Quotidiani locali

Vai alla pagina su Cittadella calcio
Cittadella, c’è uno zero da cancellare

Cittadella

Cittadella, c’è uno zero da cancellare

Dopo due trasferte senza punti, i granata vogliono cambiare registro a Empoli galvanizzati dal bel poker rifilato al Cesena

CITTADELLA. C’è uno zero da cancellare al più presto. È quello relativo ai punti raccolti lontano dal Tombolato, e poco importa se l’Empoli, per dirla con Venturato, «è appena sceso dalla Serie A e ha tutte le carte in regola per risalire»: il Citta ha il dovere di provarci.

RIECCO STRIZZOLO. Il tecnico è partito con i suoi uomini nel primo pomeriggio di ieri. Con sé, oltre al rientrante Alfonso, ha anche Strizzolo, alla prima convocazione stagionale. Si è fermato, invece, Caccin, per un problema al tendine di un ginocchio. Anche se l’ultima partita giocata è distante appena quattro giorni scarsi, è difficile pensare che stavolta Venturato rivoluzioni la formazione, specie considerando che, per la prima volta nella stagione, il Citta non ha incassato reti. «Tenevamo molto a non prendere gol, perché riuscire a comportarci bene in fase difensiva ci dà una possibilità in più di portare a casa il risultato. Contro il Cesena eravamo più brillanti di loro, che avevano cambiato solo un paio di uomini rispetto alla gara precedente, e abbiamo sfoderato una grande prestazione, quella che era mancata a Novara. Noi ovviamente vogliamo essere quelli di martedì, consapevoli che, se vogliamo stare nella parte sinistra della classifica e allontanare il più possibile le squadre che lottano per non retrocedere, dobbiamo comunque migliorare nell’interpretazione delle partite».

OCCHIO A CAPUTO. Dopo cinque giornate, con 7 punti raccolti, in casa granata è già tempo dei primi bilanci. «Ci stava il punto di Novara, come poteva starci quello di Frosinone. Ne abbiamo due in meno, ma dobbiamo essere bravi a guardare avanti per provare a riprenderceli a Empoli», sottolinea Venturato. «Non sarà facile, affronteremo una squadra che conta su valori assoluti. Oggi balzano agli occhi i gol di Caputo, attaccante che ha raggiunto una maturità che gli consente di essere concreto a ogni partita. Ma ci sono anche Donnarumma, Krunic, Lollo, Castagnetti, Pasqual e… potrei continuare».

I COLLOQUI. Ieri a fine allenamento Pasa è rimasto a parlare con Venturato, e Kouamé con il dg Marchetti. «A Pasa ho dato alcune indicazioni: è un ragazzo che ha tante potenzialità e qualche difetto. Deve essere più incisivo in fase realizzativa, perché ha il piede e le capacità per arrivare con precisione all’ultimo passaggio e realizzare qualche gol in più. Kouamé ha un entusiasmo e una serenità che non deve perdere, tutto il resto viene da sé».

EMPOLI, CHE NUMERI. Lo stadio Castellani è un vero fortino per i toscani in Serie B: qui vantano una striscia di 9 vittorie interne consecutive. L’Empoli ha chiuso la sua ultima stagione fra i cadetti, la 2013/14, vincendo tutte le ultime 7 sfide giocate davanti al pubblico amico. Ee così ha ricominciato, superando 3-2 il Bari e poi 3-0 l´Ascoli nelle prime due di questo campionato. Ma l’Empoli, con Frosinone, Palermo e Venezia, è anche una delle sole 4 formazioni imbattute sin qui.

SI RIPARTE DA 500. Nel poker rifilato
al Cesena nel turno infrasettimanale Manuel Iori è stato artefice della rete numero 500 nella storia del Cittadella in B, considerando le sole gare di regular season. Il primo gol granata tra i cadetti era stato firmato da Sturba al 4’ di Venezia-Cittadella (2-2, 10 settembre 2000).

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista