Quotidiani locali

Cadelfa, progetto Voltan «Con lei il polo femminile»

Basket, la società cittadina ha affidato all’allenatrice ed ex giocatrice vicentina la panchina della squadra di Serie B: «Uno staff forte e unito per un grande futuro»

PADOVA. Chiuso il biennio-Gorgone, il Guerriero Cadelfa volta pagina passando a un nome storico della pallacanestro veneta e italiana. Dalla prossima annata, il timone della formazione di Serie B femminile dell'Unione Basket Padova finisce nelle mani di Michela Voltan, ex guardia dell'As Vicenza, società dove è cresciuta debuttando anche in prima squadra. Nata nel 1972 a Sandrigo, Voltan è stata una specie di globetrotter, girando quasi tutto lo Stivale quando era una giocatrice (Messina, Ferrara, Faenza, Schio, Chieti, Taranto, Caserta, Napoli, Cagliari, Pontedera). È stata inoltre la prima italiana a giocare all'estero approdando Oltralpe allo Strasburgo. Più circoscritto, ma comunque significativo, il suo curriculum di allenatrice. Ha cominciato allenando i gruppi giovanili delle varie società d'appartenenza durante il periodo d'attività agonistica, ma è dopo il ritiro che è iniziata la sua carriera da head coach delle prime squadre. Proprio a Vicenza, Voltan si è subito dimostrata all'altezza cogliendo nel segno al primo tentativo: dopo un periodo d'assistentato, ha infatti conquistato da capo-allenatore la promozione nell’allora A/3 nella stagione 2012-2013, agguantando i playoff di A/2 in quella successiva. «La scelta», spiega Sebastiano Barusco, vicepresidente della Cadelfa, «è ricaduta su Michela perché ci ha dimostrato da subito un grande interesse per il nostro progetto di crescita e sviluppo. È entusiasta di collaborare

con Laura Barcaro e Luisa Stella, le nuove responsabili del settore giovanile. Vogliamo formare uno staff tecnico solido e coeso, che ci permetta di concretizzare l'ambiziosa idea di creare un polo tutto al femminile, che a Padova manca ormai da troppo tempo».

Mattia Rossetto

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Stampare un libro, ecco come risparmiare