Menu

Due anni di calvario Giovanna Volpato è tornata a correre

La maratoneta mestrino-padovana si è classificata terza alla 10 km di Trieste dietro ad Anna Incerti e Rosaria Console

PADOVA. Il calvario è finito, il dio Hermes è finalmente felice. Giovanna Volpato, la più forte maratoneta mestrino-padovana di sempre, è tornata. Sabato scorso è arrivata terza, dietro ad Anna Incerti e Rosaria Console, alla Stra Trieste, 10 chilometri e qualche centinaio di metri non precisati, che hanno messo gli atleti duramente alla prova.

«È stata una sorta di liberazione», confessa Giovanna. «Non gareggiavo in corse competitive da quasi due anni e per me è stato importante riprendere. Certo la forma non è ancora quella di un tempo, ma non posso lamentarmi di come è andata anche se le condizioni erano davvero difficili».

Per questo ritorno alla vita la ragazza di Assindustria Sport Padova non poteva scegliere un momento peggiore. Freddo, pioggia, il tipico vento di bora, ma anche punti dove c’erano da affrontare pure degli scalini, e poi poca luce, con riflessi fastidiosi soprattutto per lei che porta gli occhiali.

«Mi sono dovuta operare due volte ai tendini, una prima volta nel 2009 e la seconda nel 2010. Da allora ho sempre corricchiato, ma sono sempre stata vittima di piccoli infortuni. Influenze, contratture, stiramenti, qualche piccolo strappo, insomma non sono mai stata a posto totalmente. Questo debutto mi fa sperare anche se mi sono resa conto che devo recuperare molto. Ho perso quei due, tre secondi a chilometro che mi hanno trasformato più in un’atleta diesel, più adatta alla lunghe distanza piuttosto al mezzofondo veloce».

Il palmares di Giovanna Volpato è di assoluto prestigio: vanta due podi in maratone internazionali, seconda alla Maratona di Venezia del 2004 e prima alla Maratona di Firenze del 2008 . Si è classificata dodicesima ai Campionati Europei del 2002 e ottava a quelli del 2006, con un personale di 2h32'04". Sempre agli Europei ha vinto con l’Italia la medaglia d'oro a squadre. Tra i suoi successi anche il primo posto nella Maratona di Sant'Antonio del 2002 e il secondo posto alla Treviso Marathon del 2006 dove ha siglato il suo primato personale.

«Il test di Trieste si è rivelato utile soprattutto in funzione dei prossimi campionati italiani societari che si svolgeranno il prossimo 22 e 23 settembre a Modena dove difenderò i colori di Assindustria Sport Padova. È mia intenzione preparare una maratona entro la fine dell’anno, probabilmente nel tardo autunno, certo a novembre, anche se non ho ancora deciso dove».

Qualche rammarico per le Olimpiadi di Londra resta, seppure mitigato dalla consapevolezza che i tanti infortuni hanno inciso profondamente su una carriera che si stava svolgendo nei migliori dei modi. L’obiettivo di Giovanna Volpato non è però molto lontano e si chiama 2014 e porta il nome di Europei di Zurigo. A livello internazionale la maratoneta mestrino-padovana può vantare delle belle soddisfazioni, con la partecipazione ai Mondiali di Parigi del 2003 e agli Europei di Monaco 2002 e Goteborg 2006.

«Non ci volevano proprio i due interventi chirurgici ai tendini che mi hanno di fatto bloccata per quasi due anni. Gli incidenti però possono capitare, ma ora è il momento di

guardare al futuro. Certo che ci penso a Zurigo 2014, quello è un appuntamento importante al quale non vorrei mancare. Intanto sono tornata a correre una competitiva, tra una ventina di giorni vado a Modena anche se non ho ancora lo sprint del passato è un modo per riassaporare la pista».

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro