Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Padova ancora sconfitto, pari in extremis del Citta
Due partite di Terza Categoria sospese per rissa

Il Cittadella si salva in extremis con Meggiorini, che procura il pari sul campo di Legnano: 1-1 e terzo posto in classifica a un punto dalla Cremonese e a tre dal Sassuolo. Il Padova, battuto 2-3 all'Euganeo dalla Cremonese, è alla seconda sconfitta consecutiva che lo fa scivolare al sesto posto, dietro anche al Venezia e al Foligno. Ma l'ultima domenica per il calcio padovano è stata caratterizzata soprattutto dalla violenza. Atti gravi, davanti ai quali non si può fare finta di nulla. Due partite del girone D della Terza Categoria sono state sospese dagli arbitri per rissa. A Deserto d'Este la sfida tra la squadra locale e l'Atletico Carceri era sul 3-3 quando una gomitata ha scatenato il finimondo con allenatori e dirigenti in campo. Colto da malore il presidente del Deserto. Virtus Agna- Tribana è stata fermata sul 2-2 per scontri tra tifosi, con un giocatore che ha cercato di scavalcare la recinzione. E non è tutto, perché due supporter della Cremonese, dopo la partita all'Appiani, sono stati aggrediti a colpi di spranghe in un'area di servizio sull'autostrada A4 a Soave 

Quando finirà? Risposta: mai. A meno che non s'intervenga con il pugno di ferro. Tradotto fuor di metafora, con squalifiche pesantissime. Bisogna finirla di andare alle partite, la domenica, come se si fosse in guerra. Tifosi, addetti ai lavori, dirigenti e ora anche giocatori. Ma si può continuare a dare pessimo esempio di sé, scatenando risse e aggressioni che non sono in alcun modo giustificabili? Non importa che questo accada
sui campi di una Terza Categoria padovana, invece che in serie ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Quando finirà? Risposta: mai. A meno che non s'intervenga con il pugno di ferro. Tradotto fuor di metafora, con squalifiche pesantissime. Bisogna finirla di andare alle partite, la domenica, come se si fosse in guerra. Tifosi, addetti ai lavori, dirigenti e ora anche giocatori. Ma si può continuare a dare pessimo esempio di sé, scatenando risse e aggressioni che non sono in alcun modo giustificabili? Non importa che questo accada
sui campi di una Terza Categoria padovana, invece che in serie A o in altri campionati, il problema è gravissimo.

Tutti bravissimi nell'esecrare le morti di un ispettore di Polizia (Raciti) e di un ultrà laziale (Sandri), a battersi il petto per condannare questo calcio sempre più «avvelenato», a fare a gara per proporre le iniziative anti-violenza più efficaci, ed ecco il risultato: tre settimane dopo, siamo daccapo. Ma se ad innescare la miccia ci si mettono adesso anche i protagonisti dello spettacolo (si fa per dire...), non si va più da nessuna parte: bisogna chiudere. Baracca e burattini. Ci attendiamo punizioni esemplari dal giudice sportivo provinciale della Figc. Tolleranza zero, perchè chi ha sbagliato, non su uno ma addirittura su due campi della provincia, deve pagare. E in modo salato.

Domenica nera tra i dilettanti, nerissima per il Padova, così e così per il Cittadella, salvatosi in extremis dalla sconfitta. Momento delicato, per i biancoscudati e il tecnico che li guida. Ma se un gruppo che, sino a 20 giorni fa, ci aveva convinto, sia pure con qualche riserva sul suo rendimento esterno, non trova dentro di sè in fretta le contromisure per venirne fuori, la situazione rischia di diventare pesante. Il periodo tra fine novembre e primi di dicembre è, statisticamente parlando, una jattura per il Padova: un anno fa, Pellegrino fu esonerato prima di Natale dopo una serie di risultati disastrosi. Rossi farà bene a toccare tutto ciò che c'è da toccare, ma qui adesso è necessario lavorare a fondo, sia sul piano psicologico che fisico: in trasferta bisogna andare a riprendersi i punti persi negli ultimi 15 giorni. E per riuscire nell'obiettivo, il Padova deve cambiare pelle. Con scelte chiare e definitive anche sul modulo.

Ancora calcio violento, qual è la vostra opinione? Il Cittadella ha rallentato e il Padova sembra in crisi, le due squadre padovane possono ancora aspirare alla Serie B? Chi sono le avversarie più pericolose?