Persone: aldo de checchi

Affittavano in nero a irregolari Rinviati a giudizio

LIMENA. Processo davanti al giudice monocratico di Padova il prossimo 20 febbraio per Aldo De Checchi, 72enne di Limena, pensionato ex autista Acap (ora Aps), già amministratore di condominio, e i figli Roberto, 37enne sempre di Limena, e Lorena, 46, di Padova. Il gup Chiara Bitozzi ha accolto la
giovedì 10 ottobre 2013

Affittavano a irregolari, in tre nei guai

LIMENA. Rischiano di finire a processo Aldo De Checchi, 72enne pensionato ex autista Acap (ora Aps) poi amministratore di condominio, con i figli Roberto, di 37 (entrambi residenti a Limena) e Lorena, 46 di Padova. Il pm Sergio Dini ha sollecitato il giudizio con l’accusa di aver violato
martedì 08 ottobre 2013

Affitti in nero agli immigrati Preliminare per De Checchi

È stata fissata l’udienza preliminare per Aldo De Checchi, pensionato settantaduenne residente a Padova in via Selvatico. L’accusa dalla quale dovrà difendersi è di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e favoreggiamento della prostituzione. A far iniziare l’indagine era stata
martedì 19 marzo 2013

L’ex autista milionario rischia di finire a processo

«La mia unica colpa? Aver sempre lavorato, anche quando potevo vivere di rendita». Aldo De Checchi, pensionato settantaduenne residente a Padova in via Selvatico 3 e domiciliato a Limena in via Fornaci 146, ex autista dell’Acap (ora Aps), titolare di un patrimonio immobiliare costituito da molti
mercoledì 31 ottobre 2012

Affitti in nero, il «re» ha intascato un milione

Un milione di euro messi in tasca con gli affitti i nero. È questo l’importo ricostruito dalla guardia di finanza di Padova per quanto concerne l’attività svolta da Aldo De Checchi, il pensionato di 71 anni indagato nell’ambito dell’inchiesta degli uomini delle Fiamme gialle e della squadra mobile
martedì 12 giugno 2012

De Checchi incastrato al telefono

Chiamava di persona per sollecitare il pagamento degli affitti, lamentandosi dei ritardi. Aldo De Checchi, il pensionato ex Acap, 71 anni, ricco di famiglia, ma denunciato in concorso con i figli per favoreggiamento alla prostituzione e all’immigrazione, non poteva non sapere quante persone
sabato 25 febbraio 2012

Padova a luci rosse, decima alcova sequestrata in 4 giorni

PADOVA. Sfruttava una connazionale e la obbligava a prostituirsi all'interno dell'appartamento preso in affitto. Ennesimo sequestro di un alloggio a luci rosse in città. Stavolta i carabinieri della stazione di Prato della Valle hanno messo i sigilli al civico 37 di via Marghera, nel cuore
domenica 19 febbraio 2012

Finto povero e milionario Sigilli ad altre quattro case

E sette. Questo il numero degli immobili sequestrati (tre mercoledì, quattro ieri) dalla squadra Mobile di Padova e ricondicibili alla famiglia De Checchi, denunciata per favoreggiamento all’immigrazione clandestina e alla prostitizione. Gli agenti diretti dal vicequestore aggiunto Marco Calì ieri
venerdì 17 febbraio 2012

«Faceva già affari quando guidava i bus»

E chi non si ricorda, in piazzale Stazione, di Aldo De Checchi, l’autista dell’Acap andato in pensione nel 1994? Era sempre gioviale e sorridente sia con i colleghi che con gli utenti dei bus. Quasi sempre guidava i bus che transitavano per l’Arcella. Ossia i numeri 4, 13, 15, 16, 19, 22 e 24 .
venerdì 17 febbraio 2012

«Io milionario-evasore? Ho sempre lavorato e non ho mai chiesto sussidi»

PADOVA. «Lo sa qual è la mia unica colpa? Aver sempre lavorato, anche quando potevo vivere di rendita. E poi ho sbagliato a dare casa alla gente. Ma poi, scusi, cosa vuole che ne sappia io di cosa fanno le persone all’interno dei miei appartamenti?». Aldo De Checchi, il settantunenne finito nel
giovedì 16 febbraio 2012
Casa di Vita

L’alimentazione giusta contro il mal d’auto

Annunci

  • Vendita
  • Affitto
  • Casa Vacanza
  • Regione
  • Provincia
  • Auto
  • Moto
  • Modello
  • Regione
  • Regione
  • Area funzionale
  • Scegli una regione

Negozi

ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

 PUBBLICITÀ