Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

A caccia di petrolio nella Bassa Padovana

La multinazionale AleAnnaResources (ha legami anche con Eni, Shell e Bp) ha presentato due richieste per indagini geofisiche ed eventuali trivellazioni. E' interessato il territorio di 23 Comuni. Potrebbero esserci perforazioni solo in caso di consistenti quantità di idrocarburi

STANGHELLA. Gli americani a caccia di petrolio nella Bassa Padovana? L'idea potrebbe addirittura far sorridere. Ma qualcuno la sta prendendo molto sul serio. Tanto è vero che una multinazionale del petrolio ha presentato una richiesta per una indagine geofisica, con eventuale successivo trivellamento, in numerosi paesi della Bassa.
In totale sono ben 23 i comuni padovani in cui la AleAnna Resources ha presentato un'istanza di permesso di ricerca di idrocarburi. L'obiettivo è effettuare una p ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

STANGHELLA. Gli americani a caccia di petrolio nella Bassa Padovana? L'idea potrebbe addirittura far sorridere. Ma qualcuno la sta prendendo molto sul serio. Tanto è vero che una multinazionale del petrolio ha presentato una richiesta per una indagine geofisica, con eventuale successivo trivellamento, in numerosi paesi della Bassa.
In totale sono ben 23 i comuni padovani in cui la AleAnna Resources ha presentato un'istanza di permesso di ricerca di idrocarburi. L'obiettivo è effettuare una procedura di screening. Le richieste sono state due, e riguardano una vasta area dell'Estense e un'altra zona tra il Monselicense e il Conselvano.

La prima istanza, denominata «3 Ponti», è stata pubblicata sul Bur il 6 agosto scorso, e interessa i territori di 10 comuni padovani: Agna, Anguillara Veneta, Bagnoli di Sopra, Boara Pisani, Granze, Pozzonovo, Solesino, Stanghella, Tribano, Vescovana. Il secondo permesso è quello denominato «Le Saline» e riguarda 16 municipalità, quelle di Barbona, Casale di Scodosia, Castelbaldo, Granze, Masi, Megliadino San Vitale, Merlara, Piacenza d'Adige, Ponso, Sant'Elena, Santa Margherita d'Adige, Stanghella, Sant'Urbano, Vescovana, Vighizzolo d'Este, Villa Estense.

Il sondaggio per la ricerca di idrocarburi proseguirà anche in vari comuni del rodigino e si spingerà fino in Emilia Romagna, a Ferrara e provincia. La prima notizia della «caccia all'oro nero» nella Bassa, arriva proprio con questa «Verifica di assoggettabilità a Valutazione di Impatto Ambientale», un documento arrivato in tutti i comuni interessati. La ditta proponente è la AleAnna Resources Llc, con sede legale in Delaware (Usa) e sede secondaria a Matera. Una multinazionale che fa parte del Gruppo Assomineraria, in cui siedono anche Eni, Shell, e Bp, e che avrebbe già presentato istanze simili in altre regioni italiane.

Ma di che cosa si tratterebbe? Secondo quanto afferma la stessa ditta nella richiesta presentata, «l'area in oggetto presenta tutte le caratteristiche geo-minerarie per poter essere di notevole interesse minerario». E' per questo che viene proposta «un'indagine geofisica che, attraverso l'interpretazione di dati registrati in superficie, relativi alle differenti proprietà fisiche delle rocce, permetta di ottenere un'immagine del sottosuolo e di verificare l'eventuale presenza di idrocarburi».

Insomma un primo sondaggio superficiale, a cui potrebbero seguire le perforazioni vere e proprie. «Se l'interpretazione dei dati confermasse la presenza e l'economicità delle situazioni di interesse minerario - prosegue la descrizione dell'intervento - sarà prevista la perforazione di un sondaggio esplorativo». Per il progetto «Le Saline questo potrebbe arrivare a una profondità di circa 3.500 metri, mentre si parla di 3.000 metri per la ricerca «3 Ponti». Dalla data di pubblicazione, ci sono 45 giorni di tempo per presentare osservazioni alla Regione Veneto, segreteria regionale Infrastrutture e Mobilità. Il tempo ormai stringe e forse, complice magari la pausa estiva, il progetto rischia di passare in sordina.