Menu

Loreggia, due giovani bloccati sull'auto
e rapinati di portafogli e telefonini

La disavventura è capitata a due ragazzi fermati in via Boscalto

Est mentre viaggiavano sulla loro auto da tre individui, sicuramente di nazionalità italiana, a bordo di un'altra vettura. I due giovani sono stati costretti a consegnare ciò che avevano. Malmenato il conducente. Quindi i tre malviventi sono fuggiti in direzione di Piombino con il magro bottino
LOREGGIA. Due giovani del Camposampierese l’altra notte mentre tornavano a casa sono stati bloccati a bordo della loro auto e rapinati da tre individui di nazionalità italiana. E’ successo intorno all’una e quaranta del mattino di ieri in via Boscalto Est. I due ragazzi, M.G. di Loreggia e D.M. di Camposampiero, entrambi ventiduenni, stavano rincasando a bordo dell’Alfa 147 del loreggiano.

«Improvvisamente - racconta il giovane conducente - siamo stati sorpassati da un’autovettura di colore scuro che si è fermata davanti a noi, costringendoci a inchiodare. Sono scesi in tre, ci hanno spalancato gli sportelli e ci hanno immobilizzati, minacciandoci. Poi ci hanno detto di consegnare portafogli (contenevano in tutto 55 euro) e telefonini, sono risaliti in auto e si sono allontanati verso Piombino Dese». Per essere più «convincenti» hanno ferito al volto il conducente, che ha riportato un’escoriazione. «Non è stato un vero e proprio pugno - sottolinea il giovane - Sono comunque andato al pronto soccorso e mi hanno dato cinque giorni di prognosi. Il fatto è che ci hanno colto alla sprovvista. Il tutto è durato pochi secondi».

Momenti di vero terrore per i due ventiduenni in balia dei rapinatori. Tanto che il giovane non sa neppure descriverli bene: «Era buio - afferma - ma quelli non li avevamo mai visti prima. Per giunta in quel momento non passava nessuno». Rimasti soli e senza cellulare, i due giovani hanno atteso che passasse qualcuno per chiedere aiuto. «Abbiamo fermato la prima macchina di passaggio, il cui conducente ci ha aiutato a chiamare i carabinieri». Sul posto si è precipitata una pattuglia di Piombino Dese, che ha raccolto la testimonianza dei rapinati e ha dato avvio alle ricerche della vettura: una Pt Cruiser della Chrysler. Le indagini sono
ora a tutto campo, gli inquirenti vogliono verificare se in qualche modo i due rapinati abbiano avuto a che fare in precedenza con i tre banditi.

«E’ un fatto gravissimo - commenta il sindaco Maria Grazia Peron - Siamo arrivati al punto di non essere più sicuri nemmeno in macchina».

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro