Menu

"La Sr10 è troppo pericolosa"
due morti in quarantotto ore

La nuova strada regionale 10 si bagna ancora di sangue, a due giorni dalla morte della diciannovenne Desirée Pastorello: a perdere la vita un motociclista, Gianni Longhin, 38 anni, di San Pietro Viminario

CARCERI. Due morti in poco più di quarantotto ore. La nuova Sr 10 si conferma strada ad alta pericolosità. Venerdì mattina, a distanza di cinque-sei chilometri, aveva perso la vita Desirèe Pastorello, 19 anni, giovane studentessa universitaria di Ospedaletto Euganeo. Viaggiava sulla propria Toyota Yaris ed è stata centrata dalla Citroën C3 di una donna di San Pietro Viminario.

A causare l’incidente, con ogni probabilità, è stato un sorpasso azzardato da parte di un diciannovenne di Pozzonovo. Ieri è invece toccato a Gianni Longhin, centauro di 38 anni di San Pietro Viminario. La tragedia si è consumata poco lontano dalla rotatoria di Carceri, dove nasce la nuova Sr 10.
Sabato la pericolosità del tratto era stata denunciata da Antonio Battistella e Giancarlo Piva, sindaci di Ospedaletto Euganeo e Este. I due avevano lamentato anche l’assenza di controlli lungo il tratto. Una denuncia che dopo l’incidente di ieri acquista una cassa di risonanza non indifferente.

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro