Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Siamo state fraintese e umiliate»

Noi non siamo politicizzate, siamo diventate solo delle pedine

Siamo le insegnanti della scuola primaria Duca d’Aosta di Villafranca Padovana. La riservatezza alla quale finora si era adeguato ogni nostro comportamento, ci aveva inizialmente consigliato di tacere sulle accuse che ci venivano mosse, soprattutto perché sentivamo molto forte la responsabilità nei confronti delle famiglie, non volevamo parlare fuori tono e ritenevamo che tutto si sarebbe assai presto ridimensionato.

Ora la rabbia crescente nel veder umiliata, non solo la nostra dignità prof ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Siamo le insegnanti della scuola primaria Duca d’Aosta di Villafranca Padovana. La riservatezza alla quale finora si era adeguato ogni nostro comportamento, ci aveva inizialmente consigliato di tacere sulle accuse che ci venivano mosse, soprattutto perché sentivamo molto forte la responsabilità nei confronti delle famiglie, non volevamo parlare fuori tono e ritenevamo che tutto si sarebbe assai presto ridimensionato.

Ora la rabbia crescente nel veder umiliata, non solo la nostra dignità professionale, ma anche la nostra onestà intellettuale, ci spinge a rispondere alle critiche che ci vengono mosse. Volevamo chiarire che noi insegnanti abbiamo sempre collaborato in modo attivo con il Comune (mostre, feste e laboratori testimoniano la nostra costante attenzione alle tradizioni locali).

In particolare le celebrazioni del IV novembre hanno da sempre visto la partecipazione delle classi quinte, portatrici ogni volta di un breve messaggio di pace. Diverso è il discorso per la presenza alla funzione religiosa. Nel 1994, dirigente scolastico Corrado Moresco, le maestre di quinta del plesso ricevettero un ammonimento scritto depositato nel loro fascicolo personale perché avevano partecipato alla messa in orario scolastico dato che si trattava di scuola laica in uno stato laico; da allora e per questo unico motivo non vi abbiamo più presenziato.

Erano tempi quelli in cui nessun alunno extracomunitario frequentava le nostre classi. Il Dpr 316/1974 recita «Atti di culto fuori dalla scuola in orario scolastico devono essere deliberati dal Consiglio d’Istituto come attività extrascolastiche» e non ci risultano determinazioni in questo senso. Proprio per consentire libertà di partecipazione spesso la funzione religiosa viene posta nella prima o nell’ultima parte della cerimonia. Se l’alzabandiera fosse stato successivo alla messa non ci sarebbero stati problemi a presenziarvi.

E’ semplicemente ridicola e ci offende profondamente quindi l’affermazione del nostro mancato rispetto per il tricolore. Troviamo altresì inconcepibili e ingiuste le critiche sulla nostra presunta «politicizzazione» dato che nessuno ci ha mai interpellato, né noi abbiamo rilasciato dichiarazioni che potessero dar adito a tali illazioni. Critiche queste che, peraltro, ci arrivano da uomini politici e ci portano a pensare di essere divenute pedine di un gioco più vasto, fatto al di sopra delle nostre teste.

E’ un ruolo questo che nettamente rifiutiamo: se ci sono state nell’Istituto altre posizioni, esse avranno certamente il nome ed il cognome di persone che se ne prenderanno la responsabilità. Se amministratori locali, presidenti, ministri e onorevoli fossero più attenti nelle loro dichiarazioni, sarebbe possibile instaurare quelle forme di colloquio che li porterebbero ad una doverosa conoscenza di quanto facciamo per i nostri ragazzi e dei valori ai quali li stiamo educando.

Enrica Zara, Maria Antonietta Ventura, Lia Lovison, Elisabetta Conte, Maria Grazia Paiusco Monica Betto, Elena Griggio Candida Levorato, Serenella Modenese, Elisabetta Pessarello Paola Zirioli, Carmela Scalise Anna Chiara Fontana, Cinzia Brocchi, Milena Manca e Rosa Gaudio Insegnanti del plesso della primaria Duca d’Aosta di Villafranca