Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

In mille per l'addio
ad Andrea Dal Cason

Luigi Dal Cason, papà di Andrea

"Risucchiato" e travolto da un treno merci mentre dormiva sulla pensilina in stazione a Paese

«Andrea, resterai fra noi... sempre». Con questo messaggio la comunità di Carmignano di Brenta ha voluto salutare Andrea Dal Cason, 23 anni, che domenica scorsa ha perso tragicamente la vita alla stazione di Paese, risucchiato da un treno merci, durante il viaggio di ritorno dall'Ombralonga a Treviso. Un migliaio gli amici e i conoscenti che si sono stretti intorno a mamma Enide, papà Luigi e alla fidanzata Marika. Una folla silenziosa, che la chiesa non è riuscita a contenere.

«Una normale d ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

«Andrea, resterai fra noi... sempre». Con questo messaggio la comunità di Carmignano di Brenta ha voluto salutare Andrea Dal Cason, 23 anni, che domenica scorsa ha perso tragicamente la vita alla stazione di Paese, risucchiato da un treno merci, durante il viaggio di ritorno dall'Ombralonga a Treviso. Un migliaio gli amici e i conoscenti che si sono stretti intorno a mamma Enide, papà Luigi e alla fidanzata Marika. Una folla silenziosa, che la chiesa non è riuscita a contenere.

«Una normale domenica vissuta all'insegna dell'entusiasmo, dell'amicizia, si è trasformata in tragedia»,le parole di don Egidio all'omelia. E ancora: «La notizia della morte di Andrea è stata terribile. Quando un giovane scompare tragicamente lascia un segno profondo nella famiglia, ma diventa anche un fatto indimenticabile per il paese».

«L'Ombralonga ha le sue colpe fino ad un certo punto, ci sono state alcune coincidenze. E' tutta colpa del destino», aveva detto Daniele Raggiotto, l'amico di Andrea. L'ultimo ad avergli parlato. «A momenti vien da pensare che la nostra vita sia segnata da un destino indecifrabile», ha sottolineato don Egidio. E da qui il monito, accorato, ai giovani: «Per amore di coloro che vi amano, scegliete sempre la vita, quella vera. Fatelo quando studiate, quando lavorate, quando vi divertite, perché questo è il vostro e il nostro impegno». E agli amici: «Sappiate riscattare la morte del vostro compagno, amando la vita, non solo per voi stessi, ma anche per gli altri».

Il saluto finale ad Andrea è arrivato dalle compagne di classe: «Ti ricordiamo per la tua disponibilità, per la tua simpatia: sei e sarai sempre uno di noi. Tienici un posto. Ciao Ciccio».

Andrea Dal Canton lavorava dal 2004 alla Rondra di Camazzole. Con Marika Tessari, 21 anni, l'amore era sbocciato quattro anni fa. Viveva in via Albbruck con i genitori ed era figlio unico. Avrebbe compiuto 24 anni il 12 novembre.


Tragica fatalità o terribile imprudenza, non è il momento né la sede per esprimere giudizi sul comportamento di Andrea Dal Cason, ma cosa pensate dell'Ombralonga di Treviso? E' una manifestazione da mantenere, da modificare o da abolire? E' giusto promuovere happening che possono indurre a bere alcolici in quantità esagerata?