Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Il pacchetto va subito sostituito»

Il parere del distributore di Caselle di Selvazzano

SANTA GIUSTINA IN COLLE. «L’edicolante doveva fare una chiamata al suo rivenditore, segnalare la busta difettata e darne un’altra al bimbo: il cliente ha sempre ragione».

Il suggerimento a posteriori arriva da Flavio Greggio, titolare del Mondo di Miki, a Caselle di Selvazzano, uno dei distributori ufficiali degli «Yu-gi-oh»: il manga è incentrato su personaggi che si affrontano in un gioco di carte chiamato Duel Monsters in cui ogni giocatore acquista ed assembla un mazzo di carte con mostr ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SANTA GIUSTINA IN COLLE. «L’edicolante doveva fare una chiamata al suo rivenditore, segnalare la busta difettata e darne un’altra al bimbo: il cliente ha sempre ragione».

Il suggerimento a posteriori arriva da Flavio Greggio, titolare del Mondo di Miki, a Caselle di Selvazzano, uno dei distributori ufficiali degli «Yu-gi-oh»: il manga è incentrato su personaggi che si affrontano in un gioco di carte chiamato Duel Monsters in cui ogni giocatore acquista ed assembla un mazzo di carte con mostri, magie e trappole per sconfiggersi a vicenda.

Col tempo, è diventato un gioco di carte collezionabili reale, corrispondente a quello rappresentato nelle storie. «Noi - osserva Greggio - organizziamo tornei di Yu-gi-oh». «Queste carte vengono stampate in Belgio, su una carta speciale, ed è capitato anche a me di trovare qualche carta bianca. Gli errori di macchina ci possono stare; a mio parere, l’edicolante avrebbe dovuto consegnare subito un’altra busta al bambino. Punto e a capo».

«Può starci anche che la bustina fosse aperta, le macchine compiono errori. Può capitare». Cosa avrebbe dovuto fare l’edicolante? «Doveva chiamare subito il suo rivenditore; se uno dei miei punti vendita mi fa una chiamata, dicendomi che ci sono delle carte difettose, io dico subito di cambiare la busta, di darne una di nuova; poi, provvedo io a dare la busta che manca all’edicolante».