Menu

  • Seguici su

Luoghi: Tombolo

Fuggito e poi ripreso evade da Psichiatria

Fuggito e poi ripreso evade da Psichiatria

CITTADELLA. Ricoverato nel reparto di Psichiatria, riesce a fuggire facendo perdere le proprie tracce. Era scomparso da casa il 31 dicembre, dopo 24 giorni di ricerche continue Constantino Vornicov,...

Ritrovato il moldavo sparito da casa

CITTADELLA. Era scomparso da casa il 31 dicembre. Constantino Vornicov, 30 anni, moldavo, di Cittadella, è stato ritrovato ieri a Paviola di San Giorgio in Bosco; lo ha riconosciuto un parente che...

«Forza Padova», l’inno in versione rockabilly

«Forza Padova», l’inno in versione rockabilly

di PADOVA. Un omaggio al Padova e a tutta la Città del Santo, dei mitici Bancoscudati e dei Positiva, band Rockabilly orgogliosamente cittadina che proprio alla loro città hanno dedicato il loro ultimo cd, dal titolo «Forza Padova-Rockabilly Style», presentato in uno scatenato concerto al Barby Bar di Chiesanuova. Due i brani dell'ultima fatica dei tre rocchettari, Alessandro "Butch" Baccelle, voce e contrabbasso, Stefano "Jester" Borile, batteria, e Davide "Prince" Fragapane, chitarra, che dopo l'uscita del loro primo album «The Big Pepperone», del 2011, hanno cavalcato l'onda per realizzare qualcosa che vada oltre la musica, che coinvolga anche la passione e l'orgoglio della comunità Biancoscudata. Campeggia in copertina lo scudetto dell'Ac Padova, per introdurre due brani, covers di inni storici in una salsa rock da festa. Ecco, dunque, che «Forza Padova», storico inno dell'Ac Padova scritto dal maestro Gianni Malatesta e cantato dal coro Tre Pini, si trasforma da marcetta militare in un Rock&Roll tutto ascese e discese di basso, e «Ma quando torno a Padova», cambia da ode romantica, tratta da una poesia di Licia Oliosi, in brano battuto in stile folk rock, dal vago sapore dixie. «Riarrangiare questi pezzi in chiave rockabilly», spiega Jester, battesista dei Positiva «è stata un'impresa. Musicalmente non c'entrano nulla con la nostra musica, ma sentivamo di doverlo alla nostra città, e il risultato non ha tardato ad arrivare...». E la folla gradisce, dati i bis richiesti a pieni polmoni in concerto, e fra il pubblico un po' commosso non sono mancati i cori degli habituè dell'Euganeo, che quelle parole le sanno a memoria date le migliaia di volte che le hanno sentite alzarsi dalla curva. «Non avremmo potuto realizzare questo cd senza i nostri due partners», continua Jester, «il Barby Bar e il club Alta Padovana Biancoscudata, che ci hanno aiutato a finanziare la registrazione e la produzione dei cd». I cd sono disponibili al Barby Bar e nella sede del Club Alta Padovana Biancoscudata, al Cheers di Tombolo.

Presentato il cd dei Positiva prodotto con l’aiuto del club Alta Padovana Biancoscudata. C’è pure «Ma quanto torno»

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro