Menu

Foto

Alberi e cornicioni caduti: i danni del temporale a Padova

A Padova la situazione più grave si registra in via Comino, nella zona di Madonna Pellegrina, con due pali della luce abbattuti dal vento. Sul posto sono intervenuti i vigili urbani. Un albero è caduto anche in via Pioveghetto. Allagato il sottopasso di via Zanon a Pontevigodarzere. Cornicioni caduti in Riviera dei ponti romani, alberi caduti in via Cernaia - LEGGI L'ARTICOLO

Miss Maglietta Bagnata, alla fine il concorso si è fatto

La calda giornata di sole ha permesso ieri (mercoledì) sera lo svolgimento del concorso Miss Maglietta Bagnata al Naviglio, saltato la scorsa settimana per il maltempo. Dopo le polemiche politiche sull'opportunità della manifestazione, una piccola folla armata di pistole ad acqua ha partecipato al concorso che prevede la sfilata delle ragazze in maglietta bianca lungo un percorso di 100 metri (foto Bianchi) 

Scandalo Coimpo, le quattro vittime dei fanghi tossici

La verità, pagata con la morte di quattro persone – Nicolò Bellato di 28 anni, Paolo Valesella, 53 anni, Marco Berti, 47 anni e Giuseppe Baldan, 48 anni – sta finalmente venendo a galla. Il 22 settembre del 2014 una nube di acido solfidrico e di anidride solforosa uscita dalla vasca D dell’impianto della Coimpo, stabilimento che trattava fanghi, uccise per asfissia tre operai e l’autista del camion che stava scaricando l’acido nella vasca

Scandalo Coimpo: la nube tossica che non lascia scampo a quattro uomini

Il 22 settembre del 2014 una nube di acido solfidrico e di anidride solforosa uscita dalla vasca D dell’impianto della Coimpo, stabilimento che trattava fanghi, uccise per asfissia tre operai e l’autista del camion che stava scaricando l’acido nella vasca. Ecco le immagini del dramma,e dei soccorsi purtroppo inutili

Scandalo Coimpo: c'era una volta la latteria sociale di Ca' Emo a Adria

Le ingentissime quantità di fanghi sversati sui terreni del Polesine "non erano esenti da sostanze tossiche e nocive e/o persistenti e/o bioaccumulabili in concentrazioni dannose per il terreno, per le culture, per gli animali, per l'uomo, per l'ambiente in generale”. Sono le conclusioni del recente rapporto confezionato dai Carabinieri - Forestali di Rovigo, sulla base delle analisi svolte dall'Arpav, nei 377 ettari di terreno in provincia di Rovigo dove la Coimpo di Adria, società di gestione di rifiuti, ha sparso nell'arco di vent'anni fanghi di origine civile ed industriale - Ecco alcune immagini di Ermes Bolzon

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro