Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Bando Periferie, Giordani vola a Roma dal premier Conte

Il presidente del consiglio ha convocato i sindaci dell'Anci per la questione dei fondi destinati ai progetti anti-degrado. Padova rischia di perdere 18 milioni. Il sindaco: "Io difendo la città"

PADOVA. Incontro con il premier Giuseppe Conte stasera (martedì 11 settembre) per il sindaco Sergio Giordani e gli altri sindaci delle grandi città italiane. Al centro della discussione il Bando Periferie e la protesta per i soldi persi dai comune. "Vado a difendere i soldi dei padovani", ha spiegato il primo cittadino in partenza per la capitale.

Istituito nel 2015 per favorire la riqualificazione di aree degradate, il Bando Periferie doveva portare a Padova (che si è classifica al 107esimo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. Incontro con il premier Giuseppe Conte stasera (martedì 11 settembre) per il sindaco Sergio Giordani e gli altri sindaci delle grandi città italiane. Al centro della discussione il Bando Periferie e la protesta per i soldi persi dai comune. "Vado a difendere i soldi dei padovani", ha spiegato il primo cittadino in partenza per la capitale.

Istituito nel 2015 per favorire la riqualificazione di aree degradate, il Bando Periferie doveva portare a Padova (che si è classifica al 107esimo posto) 18,2 milioni di euro. Soldi che dovevano servire per il Parco delle Mura, per la pista ciclabile in via Bembo, per l'ampliamento della Scuola Montegrappa, per la realizzazione del nuovo parco in piazzale Boschetti, l'installazione di nuove telecamere, l'ampliamento del centro sportivo del Petrarca e la ristrutturazione del Castello dei Carraresi. Il governo ha praticamente "sospeso" quei fondi.
 
All'incontro a Roma è prevista la presenza del presidente dell'Anci Antonio Decaro, ma anche dei sindaci M5S: Raggi di Roma, Appendino di Torino e Nogarin di Livorno. Presenti anche il sindaco di Firenze Nardella e di Bologna Merola. Tra i veneti, oltre Giordani, ci sarà il sindaco di Treviso Mario Conte. 
 
"Aspettiamo responsabilmente l’incontro con il presidente del Consiglio Conte - afferma il presidente dell'Anci Antonio Decaro - Se non otterremo risposta, siamo pronti anche a interrompere i rapporti istituzionali. Non si possono stracciare i contratti firmati tra istituzioni dello Stato con un tratto di penna, con un emendamento votato in Senato di notte senza alcuna interlocuzione con i Comuni".