Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Padova, rubano le mance: la vendetta su Facebook

Al Caffeine di via Roma: «Ecco il video del furto»

PADOVA. Una donna osserva il tavolo con il registratore di cassa, l’altra guarda nella direzione opposta e un bambino tiene d’occhio l’uscita. Al momento propizio la prima delle due donne allunga la mano sul tavolo, afferra il contenitore delle mance dei camerieri e muovendosi lentamente lo fa scivolare nella borsetta.

Il furto è stato immortalato dalle telecamere del bar Caffeine di via Roma e poi pubblicato sul profilo Facebook del locale. «Tanto non gli farà niente nessuno, almeno così la ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. Una donna osserva il tavolo con il registratore di cassa, l’altra guarda nella direzione opposta e un bambino tiene d’occhio l’uscita. Al momento propizio la prima delle due donne allunga la mano sul tavolo, afferra il contenitore delle mance dei camerieri e muovendosi lentamente lo fa scivolare nella borsetta.

Il furto è stato immortalato dalle telecamere del bar Caffeine di via Roma e poi pubblicato sul profilo Facebook del locale. «Tanto non gli farà niente nessuno, almeno così la gente vede cosa fanno in giro», è il pensiero condiviso nel bar che spopola tra i giovani.

Il furto è roba dell’altro giorno. Venerdì pomeriggio, locale pieno come al solito. Entra questo gruppo. «C’erano due donne e un ragazzino, una incinta, l’altra che fingeva di esserlo» raccontano nel locale.

Ma chi si trova a dover lavorare nel “frullatore” di un bar pieno di gente sa bene che non si riesce a tenere tutto sotto controllo. Questo, evidentemente, lo sanno anche le ladre, probabilmente nomadi. Sì, perché dal filmato si vede che una delle due donne allunga la mano proprio nel momento giusto. Agguanta lo scrigno delle mance, si guarda bene intorno e poi ripone nella borsa.

«Ci saranno stati sì e no 40 euro», spiega un responsabile. Ma non è il valore del furto che fa arrabbiare i gestori del locale. «È il senso di impunità» suggeriscono. Ecco dunque la decisione di prendersi la rivincita, almeno su Facebook. —