Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Catturato dopo la rapina con il bottino di un furto

RUBANOSicuramente si era dato da fare, commettendo due furti in un giorno; ma a Richard Andoh Boateng, 23 anni, cittadino italiano ma senza fissa dimora, è andata male ed è finito in manette.Se era...

RUBANO

Sicuramente si era dato da fare, commettendo due furti in un giorno; ma a Richard Andoh Boateng, 23 anni, cittadino italiano ma senza fissa dimora, è andata male ed è finito in manette.

Se era riuscito a commettere un furto in una casa a Selvazzano senza venire scoperto, fatale gli è stato rubare un telefono al centro commerciale Le Brentelle di Rubano. Il giovane è pluripregiudicato e già sottoposto all’obbligo di presentazione in una caserma per altri furti commessi in precedenza.

Il p ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

RUBANO

Sicuramente si era dato da fare, commettendo due furti in un giorno; ma a Richard Andoh Boateng, 23 anni, cittadino italiano ma senza fissa dimora, è andata male ed è finito in manette.

Se era riuscito a commettere un furto in una casa a Selvazzano senza venire scoperto, fatale gli è stato rubare un telefono al centro commerciale Le Brentelle di Rubano. Il giovane è pluripregiudicato e già sottoposto all’obbligo di presentazione in una caserma per altri furti commessi in precedenza.

Il primo colpo lo aveva commesso sabato pomeriggio, in un’abitazione in via Garibaldi a Caselle di Selvazzano. La bifamiliare in quel momento era deserta e così, dopo essere entrato dalla finestra della camera da letto, si era impossessato di un iPad, di un telefono cellulare e di cento euro. Poco dopo ha pensato di entrare anche nel vicino centro commerciale Le Brentelle, riuscendo a intrufolarsi dentro l’ufficio di ricezione delle merci, da cui era riuscito a sgraffignare un telefono cellulare. Credeva di averla fatta franca, invece era stato notato da alcuni impiegati del centro, che hanno immediatamente chiamato il 112, cercando di bloccare il ladro. Il quale, dopo una breve colluttazione, è stato infine fermato da una pattuglia dei carabinieri di Sarmeola che nel frattempo era accorsa.

Perquisendolo, i militari gli hanno trovato addosso la refurtiva, frutto dei due furti messi a segno, che è stata pertanto restituita ai proprietari. Per Boateng è stato disposto l’arresto con l’accusa di rapina impropria e furto in abitazione ed è stato trasferito alla Casa circondariale di Padova. Sono in corso delle indagini per accertare se l’uomo possa essere stato l’autore di altri furti commessi nella zona.

Cristina Salvato