Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Troppi ponti malconci A rischio persino l’accesso sud al centro

Servono interventi per 3,5 milioni solo sugli scavalchi storici Definito “vulnerabile” anche quello di via Martiri della Libertà

ESTE

Due casi critici: Sostegno e Girometta. Ma occhi puntati anche sul ponte di via Martiri della Libertà e sugli altri ponti storici, per i quali l’ultimo intervento risale addirittura al 1888.

Nei giorni scorsi il Comune ha trasmesso a Roma la relazione riguardante i 28 ponti del territorio atestino, richiesta dal ministero dopo la tragedia di Genova. «Gli esiti, per una mancata manutenzione ordinaria, sono preoccupanti e talmente onerosi da superare le nostre possibilità. Basti pensare ch ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ESTE

Due casi critici: Sostegno e Girometta. Ma occhi puntati anche sul ponte di via Martiri della Libertà e sugli altri ponti storici, per i quali l’ultimo intervento risale addirittura al 1888.

Nei giorni scorsi il Comune ha trasmesso a Roma la relazione riguardante i 28 ponti del territorio atestino, richiesta dal ministero dopo la tragedia di Genova. «Gli esiti, per una mancata manutenzione ordinaria, sono preoccupanti e talmente onerosi da superare le nostre possibilità. Basti pensare che servirebbero oltre tre milioni e mezzo di euro solo per i ponti storici. Negligenza locale, unita all’usura per il volume del traffico, che non è certo quello del 1500, ci restituisce in alcuni casi uno stato preoccupante» ammette il sindaco Roberta Gallana.

La situazione più grave è quella del ponte del Sostegno. «Qui già da tempo la viabilità è consentita solo alle auto e limitata con appositi plinti. La chiusura comporta infatti disagi ai residenti e alle attività economiche della zona, creando congestione in via Augustea». Ma è definito «vulnerabile» anche il ponte di via Martiri della Libertà: «Parliamo di un’opera strategica per Este, che rappresenta l’unico collegamento nord-sud sul canale Bisatto. Servono manutenzione e messa in sicurezza perché, in prospettiva, un problema su questo ponte porterebbe alla paralisi non solo della nostra città, ma di tutta l’area a sud dei Colli».

È poi oggetto di attenzione il ponte della Girometta in centro, da qualche anno percorribile solo da pedoni e ciclisti e inserito nel piano delle opere pubbliche 2018-2021. «Ma sono tutti i ponti storici ad essere sorvegliati speciali» sottolinea il sindaco «Costruiti nel Rinascimento, sono pensati per carri trainati da animali e non per l’intenso flusso veicolare di oggi. Per questo richiederebbero manutenzioni programmate periodiche. Invece all’usura del tempo e alle nuove esigenze di mobilità si aggiunge l’incuria di troppi anni».

Per Gallana la soluzione principale deve arrivare dallo Stato: «Serve un piano Marshall per le opere pubbliche a livello nazionale che non solo eviterebbe altre tragedie, ma consentirebbe anche di far ripartire l’economia».