Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Bocciano il figlio, aggredisce il professore

L'intervento dei carabinieri al liceo Cornaro, dove un docente è stato aggredito da un genitore

L’episodio di inciviltà al liceo scientifico Cornaro, denunciato il padre 53enne che si è scagliato contro il docente

PADOVA. La bocciatura di un figlio, si sa, non è mai facile da accettare, tanto che in alcuni casi i genitori se la prendono con chi ha deciso le sorti dello studente: gli insegnanti. È quello che è accaduto lunedì mattina al liceo scientifico “Alvise Cornaro”. Un papà, infuriato perché il figlio non ha superato gli esami di riparazione, si è recato a scuola e ha dapprima insultato e poi messo le mani addosso a un professore.



Dopo l'esame di riparazione

Si tratta di fatti che non dovreb ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. La bocciatura di un figlio, si sa, non è mai facile da accettare, tanto che in alcuni casi i genitori se la prendono con chi ha deciso le sorti dello studente: gli insegnanti. È quello che è accaduto lunedì mattina al liceo scientifico “Alvise Cornaro”. Un papà, infuriato perché il figlio non ha superato gli esami di riparazione, si è recato a scuola e ha dapprima insultato e poi messo le mani addosso a un professore.



Dopo l'esame di riparazione

Si tratta di fatti che non dovrebbero mai accadere ma che purtroppo avvengono sempre più spesso. La mamma e il papà non accettano i rimproveri, i brutti voti e tanto meno le bocciature nei confronti dei figli e se la prendono con i professori. L’altro giorno è accaduto proprio questo. L. G. , di cinquantatré anni, di origini albanesi ma da diverso tempo residente in città, è stato addirittura denunciato dai carabinieri per percosse e minacce a pubblico ufficiale. L’uomo, genitore di un alunno della scuola, non appena ha saputo che il figlio non aveva passato l’esame di riparazione e che quindi avrebbe dovuto ripetere l’anno scolastico, è andato su tutte le furie.

Le offese, le minacce, le botte

Magari prima, in casa, se la sarà presa anche con il figlio, che probabilmente avrà rimproverato, ma quello che è certo è che poi se l’è presa duramente con il professore, che a su parere è il responsabile della bocciatura del ragazzo. Come una furia il genitore si è così diretto verso il liceo. Una volto arrivato nell’istituto, accompagnato dal figlio stesso, ha chiesto di poter parlare con il professore in questione. Ma una volta trovatosi di fronte all’insegnante è successo il finimondo. Il papà dello studente ha cominciato ad inveire e a offendere il professore, dandogli la colpa della bocciatura del figlio. Sono volate minacce e offese. Poi i toni si sono così tanto alzati che il cinquantenne fuori di sé è arrivato ad alzare le mani nei confronti del docente.

L'intervento del ragazzo

A fermarlo, anche piuttosto scioccato da quello che stava succedendo, e cioè che il padre stava insultando e picchiando il professore, è stato proprio il figlio. Il ragazzo si è messo in mezzo tra i due ed è riuscito a far desistere il padre dal continuare a percuotere l’insegnante. Fortunatamente il docente non ha riportato lesioni o ferite, ma si è solamente molto spaventato. Non è stato necessario chiedere dunque l’intervento dei sanitari del 118.

Dopo l'allarme

Il professore ha però chiamato i carabinieri, che nel giro di pochi minuti hanno mandato una pattuglia in via Riccoboni. I militari hanno cercato di calmare il 53enne, che si è scagliato anche contro di loro pronunciando improperi, e di tranquilizzare allo stesso tempo anche il professore, che si era giustamente agitato. L’episodio è terminato con una denuncia a carico del genitore, che forse la prossima volta ci penserà due volte prima di irrompere a scuola e scagliarsi contro un docente, usando anche le mani, accusandolo di aver avuto un comportamento troppo severo nei confronti del figlio.