Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Venerdì il mesto addio al ciclista travolto

NOVENTA PADOVANANoventana in lutto per la tragica fine di Mauro Mondelli, l’ex agente di commercio di 74 anni travolto e ucciso da un furgone e ucciso lunedì alle 5.30 in via Venezia mentre era in...

NOVENTA PADOVANA

Noventana in lutto per la tragica fine di Mauro Mondelli, l’ex agente di commercio di 74 anni travolto e ucciso da un furgone e ucciso lunedì alle 5.30 in via Venezia mentre era in sella alla sua bici. La famiglia della vittima attende per oggi il nulla osta al funerale. Se verrà rilasciato, potranno dare l’ultimo saluto al loro caro il pomeriggio di venerdì. La conferma la si avrà però solo oggi. La salma di Mondelli è stata accolta all’ospedale di Dolo, ma non è stata richi ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

NOVENTA PADOVANA

Noventana in lutto per la tragica fine di Mauro Mondelli, l’ex agente di commercio di 74 anni travolto e ucciso da un furgone e ucciso lunedì alle 5.30 in via Venezia mentre era in sella alla sua bici. La famiglia della vittima attende per oggi il nulla osta al funerale. Se verrà rilasciato, potranno dare l’ultimo saluto al loro caro il pomeriggio di venerdì. La conferma la si avrà però solo oggi. La salma di Mondelli è stata accolta all’ospedale di Dolo, ma non è stata richiesta l’autopsia in quanto le cause del decesso, un trauma cranico che non gli ha dato scampo, sono chiare. Purtroppo né la moglie Anna ne i figli Giuseppe, Maurizio e Silvia hanno potuto vederla. Una morte terribile, quella di Mondelli, investito in un tratto della sr 11 della Riviera privo di ciclabile. Il conducente del furgone, un 82enne di Vigonza, forse non lo ha nemmeno visto. L’anziano si è visto sequestrare il mezzo e ritirare al patente e potrebbe essere chiamato a rispondere di omicidio stradale anche se, in caso di condanna, non andrà in carcere in ragione dell’età. —

Giusy Andreoli