Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Stamani tutti a messa per pregare il parroco di non chiudere l’asilo

ABANO TERMELa chiusura dell’asilo di Giarre, annunciata per l’avvio dell’anno scolastico 2019-2020, sta sconvolgendo l’intera comunità della frazione, che stamattina ha deciso di ritrovarsi alla...

ABANO TERME

La chiusura dell’asilo di Giarre, annunciata per l’avvio dell’anno scolastico 2019-2020, sta sconvolgendo l’intera comunità della frazione, che stamattina ha deciso di ritrovarsi alla santa messa delle 10. L’obiettivo? Pregare per il futuro della scuola materna, ma soprattutto incalzare il parroco don Odilio, che, con la parrocchia e la Curia, è il titolare dell’asilo. Investimenti elevati per l’adeguamento antisismico e la necessità di accorpare gli asili piccoli a quelli maggior ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ABANO TERME

La chiusura dell’asilo di Giarre, annunciata per l’avvio dell’anno scolastico 2019-2020, sta sconvolgendo l’intera comunità della frazione, che stamattina ha deciso di ritrovarsi alla santa messa delle 10. L’obiettivo? Pregare per il futuro della scuola materna, ma soprattutto incalzare il parroco don Odilio, che, con la parrocchia e la Curia, è il titolare dell’asilo. Investimenti elevati per l’adeguamento antisismico e la necessità di accorpare gli asili piccoli a quelli maggiori, queste le motivazioni del parroco. Sulla questione intanto si è mosso anche il Comitato Genitori, che in queste ore ha diffuso una nota. «Dopo aver metabolizzato la notizia, abbiamo riflettuto su ciò che stavamo perdendo e sul valore importante che ha l'asilo per la comunità», dicono i genitori dei bimbi di Giarre. «Non è la vicinanza a farcelo scegliere, ma sono proprio quei momenti di routine, che diamo per scontati, a venir meno nelle grandi strutture, come per esempio osservare i nostri figli per quel minuto di più all'ingresso e all'uscita il ritrovarsi tutti in piazza a giocare, magari aspettando i figli più grandi, che vanno alle elementari». —

F.FR.