Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Stazione di Busa rifatto il progetto del parcheggio per 500 vetture

Spiega il sindaco Marangon: «L’Autostrada Padova-Brescia vuole una fascia più ampia distanziata dal viadotto. Niente macchine sotto il ponte» 

VIGONZA. Ricalibrato il progetto del parcheggio a servizio della nuova stazione di Busa: adesso non ci sono più motivi perché non si dia avvio alla sua realizzazione con lo stanziamento dei fondi necessari. Cosa non andava? «La società Autostrade Padova-Brescia, titolare della tangenziale che corre parallela alla ferrovia, ha posto dei paletti molto forti rispetto alla sicurezza» spiega il sindaco Innocente Marangon «Se qualche tempo fa consentiva di fare il parcheggio sotto il soppalcato de ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIGONZA. Ricalibrato il progetto del parcheggio a servizio della nuova stazione di Busa: adesso non ci sono più motivi perché non si dia avvio alla sua realizzazione con lo stanziamento dei fondi necessari. Cosa non andava? «La società Autostrade Padova-Brescia, titolare della tangenziale che corre parallela alla ferrovia, ha posto dei paletti molto forti rispetto alla sicurezza» spiega il sindaco Innocente Marangon «Se qualche tempo fa consentiva di fare il parcheggio sotto il soppalcato del viadotto, dopo alcuni recenti fatti vuole una fascia più ampia distanziata dal viadotto: in pratica non consente che le macchine stiano sotto il ponte».

IL NUOVO PROGETTO . Il nuovo progetto prevede un parcheggio modulare a due piani per accogliere fino a 500 auto con controllo accesso varchi, ingresso da via Trevisan e uscita sul “fagiolo” . Nel redigerlo l’amministrazione comunale ha ovviamente pensato ad integrarlo con il Pums (Piano urbano di mobilità sostenibile) a cui sta lavorando con tutti i Comuni della Cintura, capofila Padova, prevedendo che, in concomitanza col nuovo parcheggio di Busa, ci sia la fermata del bus così da prolungare la linea che ferma a Cadoneghe e da offrire pure un trasporto pubblico efficiente per la zona artigianale di Peraga.

PARCHEGGIO DA INGRANDIRE. Per quanto riguarda il parcheggio Barbariga, spiega Marangon, «risulta necessario ingrandirlo, lo spazio c’è, ma soprattutto adeguarlo prevedendo una stazione di servizio, snack-bar, edicola. È certo tuttavia che la massima urgenza la rivesta la stazione di Busa per la sua funzione di mobilità sostenibile “green” per i tanti pendolari e studenti e sottoutilizzata a causa del parcheggio inadeguato. «Dopo diversi incontri con i dirigenti delle Ferrovie dello Stato e della Regione sono un po’ più ottimista sulla realizzazione del nuovo parcheggio a Busa sul versante Ovest e sull’ottimizzazione di quello di Barbariga», dichiara Marangon, «ringrazio l’assessore regionale ai Lavori Pubblici Elisa De Berti e i dirigenti per l’attenzione dimostrata». —