Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Lazzaretto: «Caso Alìper la Procura vada a fondo sulle scelte di Aversa»

ABANO TERME«Stiamo valutando se chiedere alla Procura della Repubblica di andare a fondo sugli atti approvati dall’allora commissario Pasquale Aversa in merito alla costruzione del nuovo Alìper in...

ABANO TERME

«Stiamo valutando se chiedere alla Procura della Repubblica di andare a fondo sugli atti approvati dall’allora commissario Pasquale Aversa in merito alla costruzione del nuovo Alìper in zona Dancing P1». Le parole sono di Monica Lazzaretto, capogruppo della lista civica di opposizione 35zero31. La civica, dopo aver appreso delle accuse indirizzate all’ex commissario Aversa sulla gestione da prefetto della questione migranti, vuole vederci chiaro. «La prima porta la data del 25 ago ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ABANO TERME

«Stiamo valutando se chiedere alla Procura della Repubblica di andare a fondo sugli atti approvati dall’allora commissario Pasquale Aversa in merito alla costruzione del nuovo Alìper in zona Dancing P1». Le parole sono di Monica Lazzaretto, capogruppo della lista civica di opposizione 35zero31. La civica, dopo aver appreso delle accuse indirizzate all’ex commissario Aversa sulla gestione da prefetto della questione migranti, vuole vederci chiaro. «La prima porta la data del 25 agosto 2016, quando Aversa avviò il procedimento per stracciare il protocollo d’intesa, che aveva assicurato al Comune la Caserma Primo Roc di Giarre. La seconda responsabilità politica è datata 18 maggio 2017, quindici giorni prima delle elezioni. Aversa decise di modificare la convenzione stipulata nel 2015 con il gruppo Alì, consentendo a quest’ultimo di ottenere il permesso di fare le opere di urbanizzazione e quelle extra ambito (il campo in erba sintetica e la pista ciclabile). Perché lo fece? Perché sottrasse ai nuovi organi comunali, che si sarebbero insediati di lì a poco, una decisione che è politica e non amministrativa?». —

F.FR.