Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Realizzato dopo 15 anni il bypass idraulico

SANT’ANGELO DI PIOVE di saccoDopo 15 anni di attesa e un lungo braccio di ferro tra Anas e Consorzio di bonifica Bacchiglione, finalmente è stato realizzato il collegamento tra il fosso di guardia e...

SANT’ANGELO DI PIOVE di sacco

Dopo 15 anni di attesa e un lungo braccio di ferro tra Anas e Consorzio di bonifica Bacchiglione, finalmente è stato realizzato il collegamento tra il fosso di guardia e lo scolo consorziale “Liettoli Rio primo ramo”. Sono stati posati tubature del diametro di un metro, un pozzettone oltre a interventi di espurgo e protezione arginale che permetteranno di risolvere in via definitiva gli annosi problemi legati al deflusso delle acque nell’area che insiste tra la S ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SANT’ANGELO DI PIOVE di sacco

Dopo 15 anni di attesa e un lungo braccio di ferro tra Anas e Consorzio di bonifica Bacchiglione, finalmente è stato realizzato il collegamento tra il fosso di guardia e lo scolo consorziale “Liettoli Rio primo ramo”. Sono stati posati tubature del diametro di un metro, un pozzettone oltre a interventi di espurgo e protezione arginale che permetteranno di risolvere in via definitiva gli annosi problemi legati al deflusso delle acque nell’area che insiste tra la Strada dei Vivai e via Veneto. «Il bypass idraulico migliora notevolmente la situazione dell’intera area», commenta il sindaco di Sant’Angelo, Mariano Salmaso. «Il lavoro si è concretizzato grazie alle sinergie messe in campo dal Consorzio con il nostro Comune che hanno convinto Anas a completare un intervento sollecitato e atteso da anni».

A partire da ottobre 2016 il Consorzio, insieme al Comune, ha avviato una serie di incontri con Anas per sbloccare la situazione. Solo nel 2018, dopo numerosi solleciti e colloqui, la società ha appaltato e quindi eseguito i lavori. «L’intervento, seppur di modesta entità, era una vera e propria necessità per il territorio e ha permesso la risoluzione di una problematica idraulica molto rilevante» ha dichiarato Paolo Ferraresso, presidente del Consorzio Bacchiglione. «Voglio ringraziare, in particolare, il consigliere di zona Adriano Zago, per l’impegno che ci ha permesso di raggiungere questo risultato». —

Martina Maniero