Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

West Nile, altri due casi Regione sotto accusa

VIGONZADopo quello di San Vito, altri due casi di West Nile. Colpiti dal virus un sessantenne di via Cognaro a Pionca e un anziano di via Tagliamento a Codiverno. «Ora sto meglio» dice il sessantenne...

VIGONZA

Dopo quello di San Vito, altri due casi di West Nile. Colpiti dal virus un sessantenne di via Cognaro a Pionca e un anziano di via Tagliamento a Codiverno. «Ora sto meglio» dice il sessantenne «ma è da giugno che la malattia mi ha colpito provocandomi febbre alta a intervalli di 15 giorni, spossatezza e male alla ossa. Ho fatto una serie di analisi che hanno confermato il virus e poi una cura potente con antibiotici». Questa mattina dalle 6 la disinfestazione straordinaria in tutt’e d ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIGONZA

Dopo quello di San Vito, altri due casi di West Nile. Colpiti dal virus un sessantenne di via Cognaro a Pionca e un anziano di via Tagliamento a Codiverno. «Ora sto meglio» dice il sessantenne «ma è da giugno che la malattia mi ha colpito provocandomi febbre alta a intervalli di 15 giorni, spossatezza e male alla ossa. Ho fatto una serie di analisi che hanno confermato il virus e poi una cura potente con antibiotici». Questa mattina dalle 6 la disinfestazione straordinaria in tutt’e due i luoghi: il protocollo dell’Usl 6 Euganea prevede le operazioni per debellare la zanzara adulta entro i 200 metri dall’abitazione dell’ammalato e il larvicida entro i 500 metri. «Ma faremo anche di più» assicura il sindaco Innocente Marangon, «faremo ripassare parchi, aree verdi e tutte le vie principali». Il primo cittadino è su tutte le furie e punta il dito contro la Regione: «Evidenzio la fragilità e l’inadeguatezza del sistema così com’è strutturato perché, considerata l’entità del fenomeno e il fatto che, viste le piogge, si sapesse già dalla primavera, auspicavo che la Regione si muovesse per tempo e non a settembre: ora è come chiudere la stalla quando i buoi sono fuggiti. L’assessore Coletto si è preoccupato per i turisti a Jesolo, avrei preferito che si mettesse la maglietta “Prima i Veneti”…».

Le stesse pungenti osservazioni Marangon le ha ripetute ieri sera in Consiglio comunale dove, su richiesta dell’opposizione, si è parlato di West Nile. —

G. A.