Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sovrappasso di Lissaro accordo fatto per riaprirlo

MESTRINOBuone nuove per il ponte sul Ceresone a Lissaro, parzialmente chiuso al traffico perché pericolante: il Comune di Mestrino ha trovato un accordo con il consorzio di bonifica Brenta, che si...

MESTRINO

Buone nuove per il ponte sul Ceresone a Lissaro, parzialmente chiuso al traffico perché pericolante: il Comune di Mestrino ha trovato un accordo con il consorzio di bonifica Brenta, che si accollerà la progettazione e l’esecuzione dei lavori, mentre le spese saranno in carico al municipio. In questo modo si potranno garantire tempi rapidi e costi dimezzati.

Resta solo da sciogliere l’unico nodo rimasto, prima di poter dare l’avvio al cantiere: il parere della Sovrintendenza, che deve ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MESTRINO

Buone nuove per il ponte sul Ceresone a Lissaro, parzialmente chiuso al traffico perché pericolante: il Comune di Mestrino ha trovato un accordo con il consorzio di bonifica Brenta, che si accollerà la progettazione e l’esecuzione dei lavori, mentre le spese saranno in carico al municipio. In questo modo si potranno garantire tempi rapidi e costi dimezzati.

Resta solo da sciogliere l’unico nodo rimasto, prima di poter dare l’avvio al cantiere: il parere della Sovrintendenza, che deve autorizzare la modifica dell’arcata del ponte, che da tondo dovrebbe diventare quadrato per l’inserimento degli scatolari di sostegno. Ma non è escluso che, per un intervento in somma urgenza, si possa andare in deroga. Appena il Comune avrà chiarito se il parere sia vincolante o meno ai fini dell’avvio del cantiere, questo lavoro potrà partire. «Dopo il sopralluogo tecnico», illustra il sindaco Marco Agostini, «siamo riusciti a raggiungere un accordo di collaborazione davvero importante con il consorzio di bonifica Brenta, il quale si occuperà della progettazione del consolidamento dell’arcata del ponte e anche della realizzazione dell’opera, utilizzando mezzi e personale propri. Questo ci garantirà di contenere i costi e di spendere 135 mila euro. Se poi riusciremo a trovare forme di finanziamento pubblico, magari partecipando a dei bandi regionali, bene, altrimenti ci accolleremo in toto noi la spesa».

Il ponte sul Ceresone è stato chiuso al traffico pesante a luglio e resta aperto solo a senso unico alternato per auto e furgoni. Un provvedimento resosi necessario dopo la scoperta di cedimenti causati dal continuo (e vietato) transito di mezzi pesanti lungo via San Michele Arcangelo e via San Giovanni Battista. Purtroppo, nonostante il divieto di passaggio ai mezzi pesanti, questi, una volta usciti dal casello autostradale, vi vengono indirizzati dai navigatori. —

Cristina Salvato