Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Arianna Barbieri, la campionessa rivela: «Ho vinto il cancro, il calvario è finito»

La campionessa italiana di nuoto Arianna Barbieri

La star del nuoto si confessa sul suo profilo Instagram: «Una battaglia di sei mesi e mezzo che ha cambiato la mia vita»

GAZZO. Arianna Barbieri, 29 anni, pluricampionessa di nuoto, torna vittoriosa sul gradino più alto del podio. Stavolta non è una gara di dorso individuale, né una staffetta, ma la partita per la vita e Arianna l’ha vinta in pieno sconfiggendo il cancro. È lei stessa ad annunciare il risultato dopo mesi di assenza dalle piscine. Dal suo profilo Instagram, la nuotatrice azzurra segna le date della sua malattia: 22 gennaio e 10 agosto, l’inizio e la fine di questa battaglia.



«Con oggi», scrive A ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

GAZZO. Arianna Barbieri, 29 anni, pluricampionessa di nuoto, torna vittoriosa sul gradino più alto del podio. Stavolta non è una gara di dorso individuale, né una staffetta, ma la partita per la vita e Arianna l’ha vinta in pieno sconfiggendo il cancro. È lei stessa ad annunciare il risultato dopo mesi di assenza dalle piscine. Dal suo profilo Instagram, la nuotatrice azzurra segna le date della sua malattia: 22 gennaio e 10 agosto, l’inizio e la fine di questa battaglia.



«Con oggi», scrive Arianna, «finisco un periodo fatto di prelievi, pastiglie, punture, flebo, attese (tante), dubbi, pianti, nausea, stanchezza, tristezza, sconforto, picchi e ricadute. Un calvario di nome linfoma di Hodgkin». Un tumore che aggredisce il sistema linfatico, soprattutto nei giovani tra i 20 e i 30 anni o negli ultrasettantenni. Quando si scopre di essere ammalati, soprattutto così giovani, restano solo due alternative: arrendersi o combattere. Arianna, che di sfide nello sport ne ha vinte tante, non ha avuto dubbi.



«Siccome siamo padroni del nostro destino solo in parte», è convinta l’azzurra di Gazzo, che vive a Bologna dove pratica nuoto, «ho preso ciò che mi arrivava e ho cercato di accoglierlo al meglio. Per me questa malattia è stata un’arma a doppio taglio, una possibilità che la vita mi ha dato per crescere ed amarla sempre di più, una sfida e un’occasione per conoscere me stessa. Tantissime persone mi hanno aiutato nei momenti peggiori , anche solo con un piccolo pensiero e vi ringrazio davvero tanto. Ora inizia una vita nuova, un voltare pagina riprendendo da quello che ho lasciato e che amo di più. Ci vediamo in piscina».



Ora Arianna tornerà a indossare il costume per solcare nuove vasche con la certezza che la sua forza di volontà va oltre ogni fatica fisica. «La aspettiamo qui a Gazzo per festeggiare il suo nuovo podio», afferma il sindaco Ornella Leonardi. «Al ritorno dagli Europei del 2012 l’abbiamo accolta con grande orgoglio per i 3 argenti conquistati. Ma l’oro di vita che ha ottenuto quest’anno vale una festa ancora più grande. Se è sempre stata un esempio di dedizione allo sport, ora è anche una preziosa testimone di vita. Grande Arianna, gioiamo tutti con te!»