Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Bocciati in tronco dal ministero i passaggi pedonali in 3D

Roma nega il nulla osta alla sperimentazione delle strisce tridimensionali che il sindaco Soranzo voleva installare nelle strade più trafficate

SELVAZZANO

Il ministero delle Infrastrutture e Trasporti blocca il sindaco di Selvazzano, Enoch Soranzo, sui passaggi pedonali tridimensionali. In risposta alla richiesta di sperimentazione inoltrata dal Comune nel mese di gennaio scorso, il ministero scrive: «Sorge il ragionevole dubbio che la tipologia di attraversamenti proposta possa generare una distorta percezione della realtà da parte dei conducenti, con conseguenti reazioni inconsulte (brusche frenate). La particolare realizzazione n ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SELVAZZANO

Il ministero delle Infrastrutture e Trasporti blocca il sindaco di Selvazzano, Enoch Soranzo, sui passaggi pedonali tridimensionali. In risposta alla richiesta di sperimentazione inoltrata dal Comune nel mese di gennaio scorso, il ministero scrive: «Sorge il ragionevole dubbio che la tipologia di attraversamenti proposta possa generare una distorta percezione della realtà da parte dei conducenti, con conseguenti reazioni inconsulte (brusche frenate). La particolare realizzazione non risulta rispondente ai criteri di uniformità sanciti dal Codice della strada».



Secondo il ministero, inoltre, gli enti proprietari delle strade potrebbero incorrere nelle sanzioni previste dal Codice della strada, oltre che rispondere civilmente e penalmente per danni e lesioni derivanti da eventuali sinistri indotti dalla segnaletica difforme. Insomma non se ne fa nulla. Eppure la particolarità di questi passaggi pedonali che con finte ombre proiettate a terra creano un gioco di prospettive tanto da sembrare staccati dall’asfalto, avrebbe dovuto garantire rispetto a quelli rialzati alcuni benefici soprattutto ai mezzi di soccorso come le ambulanze che trasportano gli ammalati.



Enoch Soranzo era stato favorevolmente colpito da questa tecnica 3D che è stata sperimentata, sembra con risultati soddisfacenti, in primis nel piccolo paese di Isafjordur, nel cuore dei fiordi dell’Islanda, ma anche in Italia nei comuni di Nizza Monferrato (Asti) e Molinella (Bologna). «Se avremo il nulla osta pensiamo di realizzare questi passaggi pedonali con vernice termoplastica preformata sulle strade di maggior pericolo per i pedoni, come in via Euganea a Tencarola e in via Pelosa nel centro di Caselle», aveva commentato il primo cittadino di Selvazzano all’inizio del 2018.



La risposta negativa arrivata da Roma ha innescato immediatamente la polemica politica. «La lettera con cui il ministero suggerisce al Comune di non farle è datata 15 marzo ma ne sono venuto in possesso i primi di agosto», spiega il capogruppo del Pd in consiglio comunale Fabio Biasio. «Alla luce di quanto riportato nella missiva credo che nessuno in Comune desideri attivarsi con gare e appalti per la realizzazione delle strisce pedonali 3D. Già in altri Comuni in passato erano stati realizzati passaggi pedonali difformi dal Codice della strada: ricordo ad esempio le strisce di colore verde di San Martino di Lupari, ritenute illegittime. Perciò per ora accontentiamoci di quelle classiche. Mi permetto di suggerire al sindaco Soranzo di non far perdere tempo ai dipendenti comunali nel formulare inutili richieste al ministero per ricercare cose irraggiungibili». —