Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sfregio al capitello Tiso Madonnina ricomperata dallo staff di Curtarock

CURTAROLO«Ricompreremo la Madonnina per il capitello della famiglia Tiso». Queste le parole di Luigi Longo, presidente dell’associazione Rambla, che organizza il Curtarock. Durante il festival,...

CURTAROLO

«Ricompreremo la Madonnina per il capitello della famiglia Tiso». Queste le parole di Luigi Longo, presidente dell’associazione Rambla, che organizza il Curtarock. Durante il festival, svoltosi a luglio in zona industriale, era stata rubata e sostituita con una bottiglia di vino la Madonnina del capitello di viale dell’Industria. Un gesto inqualificabile, che aveva indignato i cittadini, in particolare la famiglia Tiso.

«Siamo senza parole», aveva commentato Nilla Tiso, titolare dell ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CURTAROLO

«Ricompreremo la Madonnina per il capitello della famiglia Tiso». Queste le parole di Luigi Longo, presidente dell’associazione Rambla, che organizza il Curtarock. Durante il festival, svoltosi a luglio in zona industriale, era stata rubata e sostituita con una bottiglia di vino la Madonnina del capitello di viale dell’Industria. Un gesto inqualificabile, che aveva indignato i cittadini, in particolare la famiglia Tiso.

«Siamo senza parole», aveva commentato Nilla Tiso, titolare della Tierre Group Srl e proprietaria del capitello, «ci auguriamo che i responsabili si facciano avanti e restituiscano la statuetta». Ad oggi, però, nessuno si è fatto vivo, così l’associazione Rambla ha confermato che comprerà una nuova statua: «Nei prossimi giorni consegneremo alla famiglia Tiso la nuova Madonnina», ha detto Luigi Longo. «Stiamo anche valutando se fissare la base della statuetta al capitello in modo che nessuno possa più sottrarla».

Durante il Curtarock centinaia di giovani si danno appuntamento in zona industriale, e i ragazzi della Rambla si impegnano a mantenere pulita la zona e a vigilare perché non accadano fatti spiacevoli: «In 19 anni di festival non abbiamo mai avuto problemi gravi» continua Longo. «Purtroppo i maleducati ci sono ovunque. L’anno scorso, durante il festival, una parete dell’azienda Sirman era stata imbrattata con delle scritte. Quest’anno abbiamo incaricato un pittore di ritingere la parete».

«Siamo contenti che la Rambla si sia attivata per cancellare dalla parete quelle scritte», dichiara Luca Marzaro, ad di Sirman, «e per questo la ringraziamo». —

Martina Mazzaro