Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Oltre cento minori accolti nelle famiglie con i piani di affido

Selvazzano capofila di 16 Comuni dell’hinterland di Padova che dal 2013 a oggi hanno creato reti attive di solidarietà

SELVAZZANO

«Famiglie al centro, la forza delle reti» è un progetto di accoglienza in continua crescita che coinvolge sedici Comuni dell’immediata periferia di Padova. Le famiglie accoglienti hanno raggiunto il numero di 99, con 86 minori accolti e 129 progetti realizzati dal 2013 ad oggi. Sono attivi due gruppi di lavoro che ogni mese si incontrano per accompagnare e sostenere gli affidi in corso.

OBIETTIVO

Il progetto ha l’obiettivo di promuovere e creare reti di solidarietà familiare, favore ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SELVAZZANO

«Famiglie al centro, la forza delle reti» è un progetto di accoglienza in continua crescita che coinvolge sedici Comuni dell’immediata periferia di Padova. Le famiglie accoglienti hanno raggiunto il numero di 99, con 86 minori accolti e 129 progetti realizzati dal 2013 ad oggi. Sono attivi due gruppi di lavoro che ogni mese si incontrano per accompagnare e sostenere gli affidi in corso.

OBIETTIVO

Il progetto ha l’obiettivo di promuovere e creare reti di solidarietà familiare, favorendo la partecipazione della cittadinanza alla promozione del benessere della propria comunità. La rete è uno spazio d’incontro tra le famiglie sensibili ai tempi dell’accoglienza e della solidarietà, dove hanno la possibilità di instaurare tra loro relazioni e crescere assieme nel confronto. Entrando nella “rete” le famiglie collaborano con i servizi pubblici attivando forme di solidarietà e interventi di tipo preventivo, limitato nel tempo a beneficio di bambini e ragazzi, in situazione di lieve problematicità.

COME FUNZIONA

La famiglia che accoglie, in base alle proprie disponibilità e in accordo con la famiglia accolta, offre uno spazio e un tempo concreti in cui condividere con il bambino accolto il proprio essere famiglia (ad esempio i momenti dei compiti, della merenda, dell’accompagnamento alle attività pomeridiane). Le accoglienze dei minori vengono accompagnate dalla rete di famiglie, dall’assistente sociale del Comune e da un educatore professionale. In questo primo semestre del 2018 la rete si è molto impegnata nell’attività di promozione dell’iniziativa, portando la propria testimonianza di famiglie e di operatori in ambiti scolastici, parrocchiali e culturali dei comuni aderenti. Per quanto riguarda Selvazzano, comune capofila del progetto, gli alunni incontrati sono stati 240. Nel 2018 sono stati inseriti nell’attività quattro studenti del liceo Galileo Galilei di Caselle per il progetto “Alternanza scuola-lavoro”.

I COMUNI

I sedici Comuni che aderiscono al progetto sono Abano, Albignasego, Cadoneghe, Cervarese, Limena, Mestrino, Montegrotto, Noventa Padovana, Ponte San Nicolò, Rovolon, Rubano, Saccolongo, Selvazzano, Teolo, Torreglia e Veggiano. «Con le famiglie si fa un percorso di crescita che aumenta di anno in anno», afferma l’assessore al Sociale, Giovanna Rossi.

Gianni Biasetto