Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Pur di vedere la figlia spedisce all’ospedale i suoceri e il cognato

TREBASELEGHEVuole vedere a tutti i costi la figlia, finisce in galera e dovrà affrontare un processo. Ha pagato caro A.F., un papà trevigiano, la pretesa, operata con violenza, di vedere la figlia...

TREBASELEGHE

Vuole vedere a tutti i costi la figlia, finisce in galera e dovrà affrontare un processo. Ha pagato caro A.F., un papà trevigiano, la pretesa, operata con violenza, di vedere la figlia che non gli era stata affidata dal Tribunale. Si è presentato nella casa dove la bambina si trovava e si è messo nei guai. È stato arrestato dai carabinieri e portato al carcere Due Palazzi di Padova. A.F., 45 anni, di Musestre di Roncade (TV), venerdì pomeriggio è andato a Massanzago, a casa degli ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

TREBASELEGHE

Vuole vedere a tutti i costi la figlia, finisce in galera e dovrà affrontare un processo. Ha pagato caro A.F., un papà trevigiano, la pretesa, operata con violenza, di vedere la figlia che non gli era stata affidata dal Tribunale. Si è presentato nella casa dove la bambina si trovava e si è messo nei guai. È stato arrestato dai carabinieri e portato al carcere Due Palazzi di Padova. A.F., 45 anni, di Musestre di Roncade (TV), venerdì pomeriggio è andato a Massanzago, a casa degli ex suoceri, per vedere la figlia minore. Ma i padroni di casa non gli hanno aperto. Così ha scavalcato la recinzione e ha sfondato la porta facendo irruzione in casa. Ne è nata una colluttazione con gli ex suoceri e pure con il cognato.

Una lite violenta terminata solo con l’arrivo dei carabinieri che hanno arrestato il padre trevigiano. Gli ex parenti ne sono usciti tutti e tre feriti e si sono recati al Pronto soccorso per farsi refertare: il suocero 62 enne ha avuto una prognosi di 7 giorni, la suocera di 58 anni di 5 giorni mentre 10 sono i giorni prescritti al cognato. Dopo essere stati medicati i tre sono tornati a casa.

A.F. invece è stato portato al carcere padovano. L’arresto è stato convalidato ieri mattina e il processo è stato rinviato a novembre. Nei suoi confronti è stato anche emesso la misura cautelare del divieto di avvicinamento all’abitazione di Massanzago. —

Giusy Andreoli