Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

L’emozione dell’on the road «Un’esperienza meravigliosa»

LE STORIEParola d’ordine: emozione. Tantissima, per le centinaia di giovani padovani che stanno per vivere l’esperienza dell’incontro con il Papa. Intervistarli singolarmente è impossibile, come è...

LE STORIE

Parola d’ordine: emozione. Tantissima, per le centinaia di giovani padovani che stanno per vivere l’esperienza dell’incontro con il Papa. Intervistarli singolarmente è impossibile, come è giusto in una situazione comunitaria, da vivere tutti insieme attimo dopo attimo. «Noi siamo di San Giorgio delle Pertiche e questo è davvero l’ultimo tassello di un percorso lungo e bellissimo», esordiscono in otto, tra ragazzi e ragazze, tra i 20 e i 23 anni, come la maggior parte dei partecipant ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

LE STORIE

Parola d’ordine: emozione. Tantissima, per le centinaia di giovani padovani che stanno per vivere l’esperienza dell’incontro con il Papa. Intervistarli singolarmente è impossibile, come è giusto in una situazione comunitaria, da vivere tutti insieme attimo dopo attimo. «Noi siamo di San Giorgio delle Pertiche e questo è davvero l’ultimo tassello di un percorso lungo e bellissimo», esordiscono in otto, tra ragazzi e ragazze, tra i 20 e i 23 anni, come la maggior parte dei partecipanti.

riscoperta dei luoghi sacri

«Non sappiamo neanche quanti siamo, ma è questo il bello: in settimana il nostro pellegrinaggio ci ha portati fin sul Grappa, 50 chilometri in 3 giorni, una faticaccia! Però lo spirito è quello dello stare insieme, è una sfida», confida Elisa di Cittadella. Hanno fatto le cose in grande i ragazzi del Piovese, con il percorso “Benedetto on the road” alla riscoperta dei luoghi benedettini da Correzzola alla basilica di Santa Giustina: 70 ragazzi per 70 chilometri. «Abbiamo scelto un approccio giovane, andare in pellegrinaggio non significa vivere fuori dal mondo, ma scegliere di dare la precedenza ad altre cose», confidano due 19enni, sensibili all’invito del vescovo Cipolla a compiere scelte autonome nel segno della fede.

«altro che le spiagGe... »

Sono di poche parole i ragazzi, troppo impegnati a condividere l’euforia del viaggio. «Saremo in una città meravigliosa, ad ascoltare il Papa, altro che spiagge... poi certo, c’è anche quello, ma è un’occasione rara», dice un gruppetto di Legnaro. Il vicariato di Dolo ha percorso 120 chilometri a piedi in 5 giorni, da Caorle a Camposampiero.

la new entry di tre africani

Tra loro anche delle new entry: tre giovani africani da qualche mese in Veneto. Uno di loro ha parlato dall’altare: «Ci sono tanti pregiudizi, sugli stranieri ma anche sugli italiani. Invece ho scoperto persone meravigliose, che mi hanno fatto sentire a casa». Il bilancio lo traccia un accompagnatore: «Qual è lo stato d’animo di questi ragazzi? Beh, basta guardarli in faccia, la felicità è contagiosa». —

S. D. S.