Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«FI sleale», «Lega prepotente» Volano pietre nel centrodestra

Sandonà: Conte scorretto, a Venezia sostiene Zaia, a Padova spalleggia la sinistra L’azzurro: scelta libera dei sindaci. Io traditore? Loro alleati dell’alfaniano Zorzato



Nervi tesi nel centrodestra, reduce da uno smacco cocente sul versante Etra, la multiutility energetica del bacino del Brenta; a dispetto delle previsioni della vigilia, i 74 sindaci-elettori hanno confermato alla presidenza il dem Andrea Levorato, sostenuto nell’occasione dal presidente centrista della Provincia, Enoch Soranzo, e di Maurizio Conte ( già leghista e poi tosiano) consigliere regionale di Forza Italia e – formalmente, almeno – parte della maggioranza che sostiene il governatore ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter



Nervi tesi nel centrodestra, reduce da uno smacco cocente sul versante Etra, la multiutility energetica del bacino del Brenta; a dispetto delle previsioni della vigilia, i 74 sindaci-elettori hanno confermato alla presidenza il dem Andrea Levorato, sostenuto nell’occasione dal presidente centrista della Provincia, Enoch Soranzo, e di Maurizio Conte ( già leghista e poi tosiano) consigliere regionale di Forza Italia e – formalmente, almeno – parte della maggioranza che sostiene il governatore Luca Zaia.



«C’è un problema di coerenza sul quale non intendiamo sorvolare, chi si dichiara di centrodestra non può spalleggiare un esponente del Pd espresso dalla veterosinistra di Bettin, Zanonato e Ruzzante», è la requisitoria che si leva da Campo San Martino per voce di Luciano Sandonà, consigliere in Regione di stretto rito zaiano «un’operazione del genere certifica la condotta sleale della vecchia politica. Il democristiano Soranzo si comporta da nemico viscerale della Lega e va trattato come tale; quanto a Conte, siamo stanchi dei suoi giochetti, stavolta non gliela faremo passare liscia».



Resta il passo falso di Lega e forzisti; lo stesso Bobo Miatello, sindaco-sceriffo a San Giorgio in Bosco, ha lamentato l’assenza di un regia incisiva ai vertici del Carroccio... «Forse il coordinamento è stato insufficiente, certo è che Levorato ha adottato toni intimidatori verso i sindaci, ventilando addirittura lo scioglimento di Etra e discriminando l’Alta Padovana in sede di rappresentanza».



Dalle sue vacanze croate, Conte rinvia al mittente le accuse: «Nessun colpo basso, l’errore l’ha commesso chi, con prepotenza, mirava a subordinare la logica amministrativa ai diktat di partito, quasi che i sindaci fossero robot telecomandati a distanza. Io ho semplicemente preso atto di un orientamento istituzionale già maturato. Traditore della causa? Al contrario, resto leghista nell’animo, semmai dovrebbe interrogarsi chi, come Roberto Marcato, ha accettato la convergenza con l’alfaniano Marino Zorzato». L’accenno al compaesano-collega al Ferro-Fini (sono entrambi di San Martino di Lupari) apre il tormentato capitolo azzurro; con Zorzato sulla via del ritorno all’ovile berlusconiano e il competitor di sempre deciso a sbarragli il passo.



«Forza Italia deve ritrovare lo spirito di squadra e anteporre la competenza e la conoscenza del territorio ai ruoli», conclude Conte, «ci sono tanti giovani volonterosi, io sono disponibile a trasmettere loro la mia esperienza». Tant’è. Sul versante dem la soddisfazione è evidente: «Abbiamo lavorato all’unità del centrosinistra, che nell’area padovana e bassanese conta il 40%, dialogando poi con esponenti civici quali il presidente Soranzo», commenta Alessandro Bisato, il sindaco di Noventa e segretario del Pd veneto «credo che in tempi nei quali altri si affidano ai tweet, il nostro impegno di raccordo e tessitura tra gli amministratori locali sia stato premiato. Levorato minaccioso e vetero? Macché, è un renziano pragmatico e la sua lettera di richiamo ai sindaci segnalava doverosamente gli obblighi statutari e i contraccolpi negativi per Etra di un’eventuale inadempienza». —