Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Contributi per mezzo milione a quattro progetti di sviluppo

Finanziati l’impiego di biomasse e le strategie di tutela di vini dei  Colli e di Merlara. Investimenti  anche sulla filiera della canapa, altra produzione emergente

MONSELICE

Contributi per oltre 560 mila euro, a fronte dei quali gli investimenti saranno di circa 910 mila. Mettono al centro l’innovazione nel settore agricolo e la diversificazione delle imprese gli ultimi bandi del Programma di sviluppo locale del Gal patavino.

Quattro in particolare i nuovi progetti finanziati. Il primo ha come referente il Comune di Agna e rientra nell’ambito dell’iniziativa “Le nuove energie, la nostra accoglienza”: i soggetti coinvolti partiranno da un problema sentito ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MONSELICE

Contributi per oltre 560 mila euro, a fronte dei quali gli investimenti saranno di circa 910 mila. Mettono al centro l’innovazione nel settore agricolo e la diversificazione delle imprese gli ultimi bandi del Programma di sviluppo locale del Gal patavino.

Quattro in particolare i nuovi progetti finanziati. Il primo ha come referente il Comune di Agna e rientra nell’ambito dell’iniziativa “Le nuove energie, la nostra accoglienza”: i soggetti coinvolti partiranno da un problema sentito, cioè la gestione delle ramaglie prodotte dalla potatura di viti e olivi, e andranno a sviluppare la filiera della biomassa agricola.

Il secondo (capofila il Consorzio tutela dei vini Merlara doc) servirà a promuovere una viticoltura sostenibile, originale e naturale, in grado di assicurare sia la competitività delle imprese sul mercato sia uno sviluppo equilibrato del territorio.

Il terzo, coordinato dal Consorzio tutela dei vini dei Colli Euganei, mira a integrare meglio il sistema vitivinicolo dei Colli con il sistema turismo della destinazione Ogd Terme e Colli, dando ulteriore impulso alla crescita economica locale.

L’ultimo vede come referente la società cooperativa Padagri Agricola Padovana e riguarda la filiera della canapa.

Tutti i progetti includono diversi partner e tra questi c’è anche l’Università di Padova. Il Gal ha poi assegnato contributi a 5 aziende agricole per incentivare la diversificazione, favorendo in primis l’attività agrituristica.

«Tutte le risorse del Programma di Sviluppo Locale hanno una grande importanza per l’area che va dai Colli all’Adige, ma l’innovazione è fondamentale per stabilizzare l’eccellenza come uno standard e non come un’eccezione. Un plauso ai capofila per essersi fatti carico di iniziative complesse e di qualità», commenta il presidente del Gal Federico Miotto, che sottolinea anche quanto sia essenziale la capacità di fare rete. A oggi l’ente ha attribuito oltre due milioni e 700 mila euro, generando sul territorio investimenti che superano i quattro milioni. A settembre è prevista la pubblicazione di un bando per le imprese agricole. —

D.P.