Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Addio a Florio Lunardi 103enne maestro orafo e cavaliere del lavoro

Cervarese SANTA CROCEGiovedì è morto a Collegno, in provincia di Torino, il cavaliere del lavoro Florio Lunardi. Aveva compiuto 103 anni in aprile. Un vero e proprio artista dell'oro, che a 13 anni...

Cervarese SANTA CROCE

Giovedì è morto a Collegno, in provincia di Torino, il cavaliere del lavoro Florio Lunardi. Aveva compiuto 103 anni in aprile. Un vero e proprio artista dell'oro, che a 13 anni cominciò a lavorare con i calzoni corti avendo come esempio il papà Marsilio, occupato nella fabbrica Borsotti di Cervarese.

Poi, il trasferimento in Lombardia e infine nella città piemontese, dove Lunardì aprì il primo negozio di gioielli, affermandosi come orafo e commerciante. Appassionato di po ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Cervarese SANTA CROCE

Giovedì è morto a Collegno, in provincia di Torino, il cavaliere del lavoro Florio Lunardi. Aveva compiuto 103 anni in aprile. Un vero e proprio artista dell'oro, che a 13 anni cominciò a lavorare con i calzoni corti avendo come esempio il papà Marsilio, occupato nella fabbrica Borsotti di Cervarese.

Poi, il trasferimento in Lombardia e infine nella città piemontese, dove Lunardì aprì il primo negozio di gioielli, affermandosi come orafo e commerciante. Appassionato di politica, il maestro orafo fu anche eletto per tre mandati consigliere comunale di Collegno, dove alle 15 di oggi si svolgeranno le esequie.

«Florio Lunardi ha costruito la sua attività accompagnato da una visione moderna del commercio», ha ricordato il sindaco di Collegno Francesco Casciano, «fondamentale per la nascita e la crescita dell’associazione dei Commercianti del Viale tra il '61 e il '71. Ricordo con affetto la grande festa per i cento anni e le tante occasioni di incontro dove, con lucidità, raccontava la sua e la nostra storia». —

Piergiorgio Di Giovanni