Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Auto e scarpe griffate altre tre denunce per vendite-truffa

ciTTADELLAVendono una Vw Golf, si portano a casa quasi 4 mila euro e poi scompaiono. Ma sono stati pizzicati dai carabinieri di Cittadella. Le indagini hanno fatto scattare la denuncia a piede libero...

ciTTADELLA

Vendono una Vw Golf, si portano a casa quasi 4 mila euro e poi scompaiono. Ma sono stati pizzicati dai carabinieri di Cittadella. Le indagini hanno fatto scattare la denuncia a piede libero per L.B.M., 55 anni, di Teolo, e C.G., 65 anni di Veggiano.

La coppia di truffatori aveva adescato la vittima con un annuncio sul web per la vendita dell’auto: una 40enne rumena di San Giorgio delle Pertiche si era messa in contatto con loro e si era accordata per un bonifico di 3.800 euro, ma no ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ciTTADELLA

Vendono una Vw Golf, si portano a casa quasi 4 mila euro e poi scompaiono. Ma sono stati pizzicati dai carabinieri di Cittadella. Le indagini hanno fatto scattare la denuncia a piede libero per L.B.M., 55 anni, di Teolo, e C.G., 65 anni di Veggiano.

La coppia di truffatori aveva adescato la vittima con un annuncio sul web per la vendita dell’auto: una 40enne rumena di San Giorgio delle Pertiche si era messa in contatto con loro e si era accordata per un bonifico di 3.800 euro, ma non ha avuto nessuna vettura e i due denunciati si sono resi irreperibili.

Altra truffa sulla rete, scoperto dai carabinieri di Noventa: una 33enne è stata raggirata da una 30enne, la pugliese B.M.G. di Veggiano, che su Facebook vendeva un paio di scarpe griffate per 300 euro. Quest'ultima si è fatta ricaricare la Postepay della somma richiesta e poi non ha spedito nulla.

I numeri delle truffe consumatesi attraverso internet sono importanti: lo scorso anno sono state denunciate 190 persone, nei primi sei mesi di quest'anno si è toccata quota 106. I dati in possesso dei carabinieri consentono di evidenziare che al primo posto, per quel che riguarda i raggiri, ci sono i telefoni cellulari che spesso hanno un valore superiore ai mille euro.

L’escamotage per attirare l'attenzione è sempre quello di offrire un prezzo vantaggiosissimo. Nella compravendita di autovetture le cifre in gioco sono molto più elevate: in questo caso, una volta versato l’acconto, il venditore sparisce e non risponde più ai successivi contatti dell’acquirente.

Che fare? Le forze dell'ordine raccomandano, prima di effettuare accrediti o bonifici, «una ricerca sulle referenze del venditore, utilizzando anche gli stessi siti di vendita o i motori di ricerca, inserendo il nickname fornito o il nome indicato nel profilo dell’inserzione. Nella quasi totalità dei casi le indagini si concludono con la denuncia dei venditori che lasciano sempre una traccia informatica o dei flussi di denaro connessi con le compravendite, ma, purtroppo, non sempre il denaro viene recuperato». —

S.B.