Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Arrivano i soldi per sistemare il rustico di via Bainsizza

basso isonzoArrivano i soldi per ristrutturare il rustico di via Bainsizza, che nei progetti dell’amministrazione dovrebbe diventare un museo dell’agricoltura. Restauro che rientra nel progetto più...

basso isonzo

Arrivano i soldi per ristrutturare il rustico di via Bainsizza, che nei progetti dell’amministrazione dovrebbe diventare un museo dell’agricoltura. Restauro che rientra nel progetto più ampio (e ambizioso) che prevede la realizzazione del Parco del Basso Isonzo. La giunta comunale ieri ha approvato il progetto esecutivo da 300 mila euro: lo spazio è integrato nell’area del Campo dei Girasoli di 40 mila metri quadrati realizzati nel 2011, e del Parco del Basso Isonzo. L’edificio r ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

basso isonzo

Arrivano i soldi per ristrutturare il rustico di via Bainsizza, che nei progetti dell’amministrazione dovrebbe diventare un museo dell’agricoltura. Restauro che rientra nel progetto più ampio (e ambizioso) che prevede la realizzazione del Parco del Basso Isonzo. La giunta comunale ieri ha approvato il progetto esecutivo da 300 mila euro: lo spazio è integrato nell’area del Campo dei Girasoli di 40 mila metri quadrati realizzati nel 2011, e del Parco del Basso Isonzo. L’edificio rurale è già stato oggetto di una prima serie di lavori per la messa a norma antisismica ed energetica e con la predisposizione per gli impianti e l’allacciamento alle reti pubbliche: ora devono essere completati gli impianti, realizzate le finiture e creata un’aia di fronte al portico, oltre ai vialetti di collegamento con il vicino Campo dei Girasoli. «Valorizzare tutta l’area del Basso Isonzo è un obiettivo importante per noi», ha spiegato ieri l’assessora al Verde, Chiara Gallani. «Uno spazio che possa diventare un punto di riferimento per i padovani, un’oasi di natura urbana e un’occasione di riqualificare il paesaggio». —

LU.PRE.