Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Una raccolta di fondi per la famiglia di Ivan

TREBASELEGHE. La parrocchia di Sant’Ambrogio in Grion ha avviato una raccolta di fondi per la famiglia di Ivan Vedovato, l’imprenditore 24enne toltosi la vita il 15 luglio nell’azienda di famiglia,...

TREBASELEGHE. La parrocchia di Sant’Ambrogio in Grion ha avviato una raccolta di fondi per la famiglia di Ivan Vedovato, l’imprenditore 24enne toltosi la vita il 15 luglio nell’azienda di famiglia, la Nuovatek di Morgano (Treviso): non ce l’ha fatta a sopportare il peso di una situazione diventata critica dopo la morte del padre.

L’annuncio della raccolta fondi è stato dato da don Federico, il parroco, insieme al tributarista e blogger Alberto De Franceschi. «Quando un ragazzo di 24 anni muor ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

TREBASELEGHE. La parrocchia di Sant’Ambrogio in Grion ha avviato una raccolta di fondi per la famiglia di Ivan Vedovato, l’imprenditore 24enne toltosi la vita il 15 luglio nell’azienda di famiglia, la Nuovatek di Morgano (Treviso): non ce l’ha fatta a sopportare il peso di una situazione diventata critica dopo la morte del padre.

L’annuncio della raccolta fondi è stato dato da don Federico, il parroco, insieme al tributarista e blogger Alberto De Franceschi. «Quando un ragazzo di 24 anni muore per effetto delle leve della finanza gli uomini devono intervenire affinché non riaccada. Inoltre, avendo una coscienza, bisogna adoperarsi ad aiutare chi viene ribaltato in queste situazioni» è l’appello dei due.

«La madre e il fratello di Ivan, che ha solo 20 anni, si trovano a sostenere spese anche ingenti», ha detto il sacerdote, «e hanno chiesto la disponibilità della parrocchia a raccogliere fondi per estinguere alcuni debiti che si trovano ad affrontare». È stato aperto un conto corrente a nome della parrocchia con la causale “Per Ivan” (Iban IT 24 Y 08327 62941 00000 001260).

«Tutto quello che verrà raccolto andrà consegnato a mano alla famiglia di Ivan. Don Federico ci da l’autorevolezza e la garanzia che i soldi andranno a loro, che non vanno lasciati soli. C’è la trasparenza che ogni versamento è tracciabile», spiega De Franceschi. «Ben venga qualsiasi offerta, anche quel poco messo insieme può fare veramente molto ed essere un segno sia per la società che per questa famiglia. Sarà un segno per far capire che facendo sinergia si può realizzare qualcosa di concreto».

L’operazione vuole essere un segno di vicinanza alla famiglia. «Perché oltre al lutto c’è anche un peso economico da sostenere», concludono i proponenti, «vogliamo anche far capire alle persone che potrebbero trovarsi nelle medesime situazioni che parlare coi parroci, cercare di esternare le difficoltà, è importante. Nessuno si senta solo». –

Giusy Andreoli.