Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Eletto il Consiglio di sorveglianza messo all’angolo il Cittadellese

I sindaci della zona chiedevano un rinvio di 24 ore per consultarsi sulle nomine Ma l’asse Bassano-Piazzola-Camposampiero ha fatto valere i suoi numeri

CITTADELLA

Risiko Etra, via libera al nuovo consiglio di sorveglianza e ad un consiglio di gestione nel segno della continuità targata Andrea Levorato. Un via libera non unanime, i sindaci si spaccano e l’asse tra Bassanese, Camposampierese e Piazzolese mette in scacco il Cittadellese, che non reagisce con aplomb: «Ha prevalso una logica di spartizione di careghe».



L’accelerazione è stata tale da consentire - già ieri pomeriggio in Villa Rina a Cittadella - la fumata bianca nel corso dell ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CITTADELLA

Risiko Etra, via libera al nuovo consiglio di sorveglianza e ad un consiglio di gestione nel segno della continuità targata Andrea Levorato. Un via libera non unanime, i sindaci si spaccano e l’asse tra Bassanese, Camposampierese e Piazzolese mette in scacco il Cittadellese, che non reagisce con aplomb: «Ha prevalso una logica di spartizione di careghe».



L’accelerazione è stata tale da consentire - già ieri pomeriggio in Villa Rina a Cittadella - la fumata bianca nel corso della conferenza di servizi convocata dal sindaco di Bassano Riccardo Poletto. Gli amministratori hanno varato il consiglio di sorveglianza e indicato i nomi per la definizione del consiglio di gestione. Il nuovo presidente della sorveglianza è Simone Bontorin, primo cittadino di Romano d’Ezzelino, che auspica «unità e collaborazione». Cinque i nomi “suggeriti” dalla conferenza a chi procederà a formalizzare la nomina: manca solo l’ufficialità, ma sarà nuovamente Levorato a guidare la multiutility di acqua e rifiuti per i prossimi tre anni; con lui Livio Baracco e Riccardo Caretta per il Nord Padovano, Tiziana Stella del Bassanese e Mario Polato per il territorio dell’Altopiano. La nuova plancia di comando della società che segue servizi fondamentali per 75 comuni e oltre 500 mila abitanti non è arrivata senza qualche schermaglia. Di fatto un triangolo tra Bassano, Camposampiero e Piazzola ha emarginato i comuni più vicini a Cittadella. E così nel corso dell’assemblea c’è stato un tentativo di far slittare la decisione, di prendere tempo, per provare a recuperare. Ma non c’erano i numeri per rimandare e quindi si è andati a chiudere la partita. A spiegare le ragioni del Cittadellese è il sindaco di Carmignano Alessandro Bolis: «Avevamo chiesto un rinvio di 24 ore, non certo per mettere in pericolo la società, ma per trovare una quadratura sui nomi in maniera da rappresentare tutto il territorio gestito da Etra».



Bolis tiene a sottolineare come l’urgenza di una condivisione a 360 gradi sarebbe stata opportuna anche perché «Carmignano, Fontaniva e Cittadella saranno oggetto di un importante attingimento di acqua pubblica, il prelievo più consistente del Veneto: il territorio aveva quindi bisogno di rappresentanti. Noi», ribadisce, «non abbiamo votato contro la società, ma al metodo della spartizione delle poltrone». Pollice verso da parte di Cittadella, Fontaniva, Tombolo, Galliera, San Giorgio in Bosco, San Pietro in Gu e Campo San Martino. Chi ha vinto guarda avanti.

«Sono molto soddisfatto: urgeva fare in fretta, senza tentennamenti», osserva Poletto. «Abbiamo eletto il consiglio di sorveglianza con un’ampia maggioranza, sebbene non all’unanimità, ma sono numeri che consentono di rappresentare tutto il territorio. Ora c’è un accordo tra gentiluomini per la continuità del consiglio di gestione».

Levorato è felice di iniziare il bis: «Grande soddisfazione: i sindaci hanno dimostrato di avere a cuore la società e soprattutto il territorio per cui operiamo». Nel sistema di governance duale di Etra il presidente sarà ora affiancato da Bontorin, per il quale ha parole di stima: «Un amministratore preparato, professionale e dinamico, sono sicuro che collaboreremo bene». —