Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sorpresi sotto i portici nei guai per atti osceni

Este, si erano appartati a pochi passi dalla sede del comando della polizia municipale

ESTE. Si erano appartati in via San Rocco, a pochi passi dalla sede del comando della polizia locale e da piazza Maggiore, il “salotto buono” atestino, emettendo suoni inequivocabili sentiti chiaramente dai residenti della zona. Rimproverati da un passante, avevano proseguito nel loro atteggiamento volgare come se niente fosse, salvo essere poi interrotti, identificati e denunciati dai vigili. Potrebbe costare cara l’assenza di pudore a due giovani di Este, protagonisti nella serata di vener ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ESTE. Si erano appartati in via San Rocco, a pochi passi dalla sede del comando della polizia locale e da piazza Maggiore, il “salotto buono” atestino, emettendo suoni inequivocabili sentiti chiaramente dai residenti della zona. Rimproverati da un passante, avevano proseguito nel loro atteggiamento volgare come se niente fosse, salvo essere poi interrotti, identificati e denunciati dai vigili. Potrebbe costare cara l’assenza di pudore a due giovani di Este, protagonisti nella serata di venerdì scorso di un rapporto intimo in pieno centro.

La coppia si era rifugiata nel sottoportico di via San Rocco. Nonostante i richiami di un cittadino di passaggio, aveva continuato a scambiarsi effusioni “hot”, incapaci di frenare la propria passione. A quel punto gli abitanti del quartiere, indignati, hanno chiesto l’intervento della polizia locale. I due giovani focosi sono stati fermati dagli agenti, che hanno provveduto all’identificazione, all’acquisizione delle testimonianze e alla denuncia per atti osceni in luogo pubblico, reato oggi depenalizzato a illecito amministrativo. Illecito che prevede una sanzione da un minimo di 5mila a un massimo di 30 mila euro.

Dura la reazione del vicesindaco Aurelio Puato: «Persone che non hanno il comune senso civico vanno decisamente punite. Stiamo provvedendo a cambiare un regolamento troppo permissivo, vista l’educazione che spesso manca. Il normale senso civico comporta il rispetto per la cosa pubblica e per gli altri». Dopo l’episodio, infatti, il Comune è subito corso ai ripari e ha annunciato la prossima emanazione di un nuovo regolamento di polizia urbana che prenderà in considerazione vari aspetti, tra cui il decoro e la sicurezza cittadina. —

Davide Permunian.