Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sos di De Poli a Roma per i Comuni colpiti

PIACENZA D’ADIGE. Maltempo, il senatore Udc chiede lo stato di calamità per Bassa e Alta padovana. Antonio De Poli, senatore Udc, ha lanciato un Sos al Governo per venire incontro ai gravi danni...

PIACENZA D’ADIGE. Maltempo, il senatore Udc chiede lo stato di calamità per Bassa e Alta padovana. Antonio De Poli, senatore Udc, ha lanciato un Sos al Governo per venire incontro ai gravi danni patiti da un’ampia fetta di provincia in queste ultime ore di maltempo.

«Strade danneggiate e raccolti delle aziende agricole di un’intera stagione andati persi. È il bilancio dell’eccezionale ondata di maltempo che ha colpito tra le altre regioni anche il Veneto, in modo particolare il Padovano, la B ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PIACENZA D’ADIGE. Maltempo, il senatore Udc chiede lo stato di calamità per Bassa e Alta padovana. Antonio De Poli, senatore Udc, ha lanciato un Sos al Governo per venire incontro ai gravi danni patiti da un’ampia fetta di provincia in queste ultime ore di maltempo.

«Strade danneggiate e raccolti delle aziende agricole di un’intera stagione andati persi. È il bilancio dell’eccezionale ondata di maltempo che ha colpito tra le altre regioni anche il Veneto, in modo particolare il Padovano, la Bassa veronese, il Polesine e il Trevigiano. Lancio un Sos al Governo: chiederò nelle prossime ore al presidente del Consiglio Giuseppe Conte di riconoscere lo stato di calamità per l’eccezionale ondata di maltempo che ha colpito il Veneto».

A Padova i Comuni principalmente colpiti sono stati Piacenza d’Adige, Masi, Castelbaldo e Megliadino San Vitale nella Bassa e Sant’Angelo di Piove, Villanova di Camposampiero, San Giorgio delle Pertiche e Vigonza nell’Alta. Continua De Poli: «Sono ingenti i danni riportati da oltre 400 aziende agricole per una stima di centinaia di migliaia di euro solo nell’Alta. Danni di entità analoga se non peggiore nella Bassa padovana dove notevoli sono stati i danni alle coltivazioni, ai campi di mais, in modo particolare, ai vigneti e agli alberi da frutto. A fare i conti con questa situazione, in teoria, dovranno essere le Province che però, come sappiamo, hanno difficoltà a far quadrare i conti. Serve quindi un intervento straordinario a livello centrale. Chiederò, inoltre, al presidente Conte e al ministro delle Infrastrutture Toninelli di rimpinguare il Fondo di 1, 6 miliari previsto dalla Legge di bilancio per la manutenzione delle strade».

N. C. .