Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

La Regione finanzia il piano anti-siccità con nuove canalette

CODEVIGO. Finanziato dalla Regione il progetto del Consorzio di bonifica Bacchiglione nell’ambito del piano regionale anti-siccità. È stato approvato dalla giunta regionale il finanziamento per l’ammo...

CODEVIGO. Finanziato dalla Regione il progetto del Consorzio di bonifica Bacchiglione nell’ambito del piano regionale anti-siccità. È stato approvato dalla giunta regionale il finanziamento per l’ammodernamento delle canalette a Conche di Codevigo e Valli a Chioggia: arriveranno 120 dei 135 mila euro necessari per l’intervento.

«Con la legge di bilancio 2018» afferma l’assessore regionale Giuseppe Pan «la Regione si è dotata di un programma di opere e interventi per mitigare i danni provocati ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CODEVIGO. Finanziato dalla Regione il progetto del Consorzio di bonifica Bacchiglione nell’ambito del piano regionale anti-siccità. È stato approvato dalla giunta regionale il finanziamento per l’ammodernamento delle canalette a Conche di Codevigo e Valli a Chioggia: arriveranno 120 dei 135 mila euro necessari per l’intervento.

«Con la legge di bilancio 2018» afferma l’assessore regionale Giuseppe Pan «la Regione si è dotata di un programma di opere e interventi per mitigare i danni provocati dai cambiamenti climatici e potenziare le infrastrutture idriche, predisponendo anche un piano straordinario delle priorità, grazie alla banca dati dei progetti infrastrutturali dei consorzi di bonifica veneti che hanno mappato le necessità del territorio e gli interventi più urgenti da realizzare».

La funzionalità delle canalette in cemento, che risalgono agli anni Trenta, è attualmente ridotta a causa del deterioramento che provoca dispersioni d’acqua e difficoltà a raggiungere tutte le utenze. Lo scorso anno il Consorzio Bacchiglione ha effettuato una sperimentazione con nuovi materiali, come le malte fibrorinforzate, per il ripristino delle strutture ammalorate con l’obiettivo di trovare soluzioni che garantiscano il risparmio idrico e l’efficienza anche nel lungo tempo.

Visti gli esiti positivi dell’analisi, il Consorzio ha presentato il progetto alla Regione, prevedendo la sostituzione dei tratti di canaletta maggiormente ammalorati, per una lunghezza complessiva di 997 m, e l’allargamento del ponte-canale sul Montalbano.

Alessandro Cesarato .