Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Luce, il Comune taglia le spese

Il sindaco : «Priorità agli impianti di Isola dell’Abbà» 

POLVERARA . Uno dei capitoli che incide maggiormente sul bilancio dell’ente è quello della spesa per la pubblica illuminazione che costa alle casse comunali 70 mila euro l’anno. Consapevole della necessità di razionalizzare le spese, il Comune ha stipulato una convenzione con Consip e il raggruppamento temporaneo di imprese Consorzio stabile energie locali, Simet e Insigna. La convenzione, valida per nove anni, impegna Simet alla manutenzione degli impianti e alla fornitura di energia elettr ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

POLVERARA . Uno dei capitoli che incide maggiormente sul bilancio dell’ente è quello della spesa per la pubblica illuminazione che costa alle casse comunali 70 mila euro l’anno. Consapevole della necessità di razionalizzare le spese, il Comune ha stipulato una convenzione con Consip e il raggruppamento temporaneo di imprese Consorzio stabile energie locali, Simet e Insigna. La convenzione, valida per nove anni, impegna Simet alla manutenzione degli impianti e alla fornitura di energia elettrica per una spesa fissa annua a carico del Comune di 55 mila euro. Il contratto prevede solo nel primo anno lavori di adeguamento, messa in sicurezza, manutenzione e riqualificazione energetica per un investimento di 235 mila euro. Sono 555 i punti luce da sistemare su 580 totali. «Nella stesura dell’elenco degli interventi è stata data priorità al rifacimento degli impianti di Isola dell’Abbà e argine Bacchiglione destro perché i pali non sono più a norma» ha spiegato il sindaco Alice Bulgarello «poi interverremo in tutte quelle zone in cui i punti luce hanno bisogno di un adeguamento dal punto di vista energetico». Nel canone sono compresi altri servizi, tra questi almeno due cambi lampade programmati di tutto il parco impianti; la verniciatura dei sostegni; le verifiche periodiche sull’efficienza dei punti luce e l’attivazione di un call center attivo 24 ore su 24 per segnalare guasti e disservizi. «Siamo sicuri» ha concluso il sindaco «che questa operazione sarà apprezzata da tutti i cittadini in termini di qualità dell’illuminazione». (ma.m.)