Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

A Saccolongo l’idrovora dà i primi frutti

SACCOLONGO . Sono incoraggianti i primi risultati emersi dal lavoro del nuovo impianto idrovoro inaugurato lo scorso febbraio in via Bacchiglione a Saccolongo. Negli anni passati, infatti, il...

SACCOLONGO . Sono incoraggianti i primi risultati emersi dal lavoro del nuovo impianto idrovoro inaugurato lo scorso febbraio in via Bacchiglione a Saccolongo. Negli anni passati, infatti, il quartiere circostante troppo spesso era stato soggetto a continui allagamenti, una situazione che in queste settimane di violenti acquazzoni non si è ripresentata, con la zona rimasta praticamente immacolata. Un’inversione di tendenza che sembra certificare la bontà di un’opera che, dopo anni di attesa, ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SACCOLONGO . Sono incoraggianti i primi risultati emersi dal lavoro del nuovo impianto idrovoro inaugurato lo scorso febbraio in via Bacchiglione a Saccolongo. Negli anni passati, infatti, il quartiere circostante troppo spesso era stato soggetto a continui allagamenti, una situazione che in queste settimane di violenti acquazzoni non si è ripresentata, con la zona rimasta praticamente immacolata. Un’inversione di tendenza che sembra certificare la bontà di un’opera che, dopo anni di attesa, ora sembra dare i suoi frutti: «Gli anni scorsi, con queste bombe d’acqua, il quartiere sarebbe andato sotto, cosa che in questi giorni non è successa» commenta il sindaco Elisa Maggiolo. Si tratta infatti di un impianto idrovoro finanziato per 500 mila euro dalla Regione e per 40 mila dal Comune di Saccolongo; un’opera che, in caso di violenti piogge, permette infatti di scaricare le acque meteoriche nel Bacchiglione, limitando così il rischio di allagamenti. E infatti i dati provenienti in questi giorni dal Consorzio Bacchiglione hanno confermato l’entrata in funzione dell’impianto per la prima volta a totale pieno regime in occasione delle perturbazioni del 29 maggio con le due elettropompe che dalle ore 14 alle ore 18 hanno espulso 4.200 metri cubi di acqua». (l.p.)