Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Neve, ancora nuovi avvistamenti

La cagna in fuga dal 16 aprile: appello per segnalare la sua presenza

RUBANO. Nonostante i giorni che passano e un meteo poco clemente, stanno continuando senza sosta le ricerche di Neve, la cagna simil pastore svizzero scappato da Arlesega a Mestrino lo scorso 16 aprile. Questo animale di taglia media e manto bianco è di proprietà di un canile toscano e si trovava a Mestrino per visite mediche quando è scappata senza fare più ritorno. Della sua ricerca da oltre un mese e mezzo se ne stanno occupando alcune volontarie (contattate dal canile) insieme ai vigili ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

RUBANO. Nonostante i giorni che passano e un meteo poco clemente, stanno continuando senza sosta le ricerche di Neve, la cagna simil pastore svizzero scappato da Arlesega a Mestrino lo scorso 16 aprile. Questo animale di taglia media e manto bianco è di proprietà di un canile toscano e si trovava a Mestrino per visite mediche quando è scappata senza fare più ritorno. Della sua ricerca da oltre un mese e mezzo se ne stanno occupando alcune volontarie (contattate dal canile) insieme ai vigili di Selvazzano e Saccolongo e ai carabinieri di Mestrino: in queste settimane è stata messa in piedi una fitta rete di segnalazioni che coinvolge molti gruppi facebook dei paesi circostanti e un gruppo whatsapp per raccogliere altri volontari. Le segnalazioni sono state centinaia e hanno permesso di ricostruire l’incredibile percorso che questa cagna ha compiuto, macinando chilometri su chilometri. Avvistamenti sono stati registrati a Veggiano, Saccolongo, Montegrotto, Torreglia, Galzignano, Montegalda, Grisignano. «Neve purtroppo è una cagna che diffida molto dell’uomo e capisco che sia normale avere l’istinto di provare a prenderla rincorrendola quando la si vede, ma oltre ad essere impossibile perché è velocissimo, provarci è anche dannoso perché scappa e soprattutto si spaventa e si sposta in un’altra zona, rendendo impossibile organizzare una cattura» spiega una volontaria. «Per alcuni giorni ha stazionato nella zona di Veggiano, ma ora pare si sia spostata dalle parti di Sarmeola e Caselle. Purtroppo può essere un pericolo per le auto perché può provocare incidenti: invitiamo tutti alla massima prudenza, chi la vede o chi vuole dare una mano per le ricerche può chiamare il numero 345.0808547, ribadendo che non bisogna assolutamente rincorrerla ma sono utili solo le segnalazioni».

Luca Perin