Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Diossina, cessato allarme il sindaco revoca l’ordinanza

SANT’ANGELO DI PIOVE. Scongiurati i danni ambientali che potevano essere stati causati dalle conseguenze dell’incendio che, giusto due settimane fa, aveva interessato la De Zuani Ecologica srl di...

SANT’ANGELO DI PIOVE. Scongiurati i danni ambientali che potevano essere stati causati dalle conseguenze dell’incendio che, giusto due settimane fa, aveva interessato la De Zuani Ecologica srl di Vigorovea. È stata infatti revocata dal sindaco Mariano Salmaso l’ordinanza che lui stesso aveva emesso a salvaguardia della salute pubblica, in attesa degli esiti delle analisi predisposte dall’Arpav. «Fino a quella data» aveva spiegato il sindaco «per non correre rischi, abbiamo preferito dettare ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SANT’ANGELO DI PIOVE. Scongiurati i danni ambientali che potevano essere stati causati dalle conseguenze dell’incendio che, giusto due settimane fa, aveva interessato la De Zuani Ecologica srl di Vigorovea. È stata infatti revocata dal sindaco Mariano Salmaso l’ordinanza che lui stesso aveva emesso a salvaguardia della salute pubblica, in attesa degli esiti delle analisi predisposte dall’Arpav. «Fino a quella data» aveva spiegato il sindaco «per non correre rischi, abbiamo preferito dettare alcune regole». Un’ordinanza che in buona sostanza vietava, in un’area del raggio di un chilometro dall’impianto di stoccaggio e lavorazione di rifiuti e scarti industriali avvolto dalle fiamme, l’uso a scopo alimentare di frutta e ortaggi, la raccolta di foraggi ed il pascolo di animali. L’Arpav, che aveva subito escluso anomalie significative nei valori dei fumi, si è poi riservata di effettuare ulteriori indagini sulle acque reflue e sui terreni della zona. Gli esiti delle analisi sullo strato superficiale del terreno hanno ora dimostrato che le concentrazioni dei parametri analizzati (Ipa, Pcb, diossine e furani) sono tutti inferiori ai limiti di legge. Il ritiro dell’ordinanza è stata recepito dai Comuni di Piove e di Brugine. (al.ce.)