Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Saonara ricorda l’eccidio dei nazisti a villa Bauce

SAONARA. Cerimonia commemorativa, sabato pomeriggio, in ricordo dell’eccidio nazista di 73 anni fa, consumato a Villa Bauce, in cui furono uccisi 44 civili innocenti, tra bambini, ragazzi e anziani....

SAONARA. Cerimonia commemorativa, sabato pomeriggio, in ricordo dell’eccidio nazista di 73 anni fa, consumato a Villa Bauce, in cui furono uccisi 44 civili innocenti, tra bambini, ragazzi e anziani. Tra questi anche il generale dei carabinieri in quiescenza Giuseppe Dezio, che inutilmente offrì alle truppe naziste la propria vita in cambio di tutti gli altri civili. La figura di Dezio è stata onorata, insieme a quella dei familiari, anche dalla presenza del comandante provinciale dell’Arma ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAONARA. Cerimonia commemorativa, sabato pomeriggio, in ricordo dell’eccidio nazista di 73 anni fa, consumato a Villa Bauce, in cui furono uccisi 44 civili innocenti, tra bambini, ragazzi e anziani. Tra questi anche il generale dei carabinieri in quiescenza Giuseppe Dezio, che inutilmente offrì alle truppe naziste la propria vita in cambio di tutti gli altri civili. La figura di Dezio è stata onorata, insieme a quella dei familiari, anche dalla presenza del comandante provinciale dell’Arma colonnello Oreste Liporace, dal capitano della Compagnia di Piove di Sacco Enrico Zampolli e dal comandante della stazione di Legnaro Giovanni Soldano. Per la guardia di finanza era presente il tenente Vanessa Senatore. Con i rispettivi gonfaloni, insieme al sindaco Valter Stefan, c’erano anche i colleghi di Vigonovo, Sant’Angelo di Piove, Legnaro, Polverara, Ponte San Nicolò e Noventa Padovana. Dopo la deposizione della corona di alloro al cippo posto nel luogo dell’eccidio, la cerimonia si è conclusa nella chiesa parrocchiale con una messa insuffragio celebrata da don Francesco Monetti.

(al.ce.)