Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Domani l’addio al ciclista travolto sull’Altopiano

Sarà celebrato domani alle 15. nella chiesa di San Pietro in Gu, il funerale di Roberto Meggiotto (nella foto), 67anni, il geometra travolto da una Fiat Panda mentre pedalava sull’Altopiano di Asiago....

Sarà celebrato domani alle 15. nella chiesa di San Pietro in Gu, il funerale di Roberto Meggiotto (nella foto), 67anni, il geometra travolto da una Fiat Panda mentre pedalava sull’Altopiano di Asiago. Un’intera comunità, a partire dal sindaco Gabriella Bassi, si stringerà alla moglie Claudia e ai figli Giovanni e Giulia; in tanti porteranno il loro cordoglio al rosario di stasera, dopo la messa delle 19.30. La data delle esequie è stata fissata dopo il nullaosta arrivato dalla magistratura, ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Sarà celebrato domani alle 15. nella chiesa di San Pietro in Gu, il funerale di Roberto Meggiotto (nella foto), 67anni, il geometra travolto da una Fiat Panda mentre pedalava sull’Altopiano di Asiago. Un’intera comunità, a partire dal sindaco Gabriella Bassi, si stringerà alla moglie Claudia e ai figli Giovanni e Giulia; in tanti porteranno il loro cordoglio al rosario di stasera, dopo la messa delle 19.30. La data delle esequie è stata fissata dopo il nullaosta arrivato dalla magistratura, che sta cercando di accertare l’accaduto; l’investitore, l’asiaghese Fabio Forte, 46 anni, è stato iscritto dalla procura di Vicenza nel registro degli indagati per omicidio stradale. Il dramma venerdì verso mezzogiorno in località Campomezzavia di Asiago: la vittima - descritta da tutti come molto prudente - percorreva in la bici la provinciale “Della Fratellanza”. In seguito al tragico incidente la Procura di Vicenza ha disposto l’esame autoptico su Meggiotto per determinare la causa del decesso. Forte ha sostenuto che, durante il sorpasso, il ciclista ha sbandato vistosamente verso il centro della carreggiata come se volesse compiere un’inversione o si fosse sentito male. Intanto gli esami tossicologici sull’automobilista hanno escluso alterazioni: il conducente era perfettamente lucido. Anche l’analisi del cellulare ha scartato l’ipotesi che l’uomo fosse distratto dal telefono mentre era alla guida. Silvia Bergamin