Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Terze medie guadensi a Redipuglia con l’Ana e Donazzan

SAN PIETRO IN GU. I ragazzi di terza media dell’Istituto comprensivo guadense, in visita ieri al Sacrario di Redipuglia (Go), hanno avuto accompagnatori d’eccezione: oltre ai loro insegnanti, una...

SAN PIETRO IN GU. I ragazzi di terza media dell’Istituto comprensivo guadense, in visita ieri al Sacrario di Redipuglia (Go), hanno avuto accompagnatori d’eccezione: oltre ai loro insegnanti, una quindicina di Alpini della sezione locale e l’assessore regionale all’Istruzione Elena Donazzan. «Questa giornata, organizzata in concomitanza con il centenario della fine Grande Guerra sul Sacrario che rappresenta la memoria collettiva del Paese», sottolinea Donazzan, «ha un valore educativo che su ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN PIETRO IN GU. I ragazzi di terza media dell’Istituto comprensivo guadense, in visita ieri al Sacrario di Redipuglia (Go), hanno avuto accompagnatori d’eccezione: oltre ai loro insegnanti, una quindicina di Alpini della sezione locale e l’assessore regionale all’Istruzione Elena Donazzan. «Questa giornata, organizzata in concomitanza con il centenario della fine Grande Guerra sul Sacrario che rappresenta la memoria collettiva del Paese», sottolinea Donazzan, «ha un valore educativo che supera quello di qualsiasi lezione in classe. Grazie alla presenza e alla testimonianza degli Alpini e alla sensibilità degli insegnanti, una visita di istruzione può diventare una pagina aperta di storia, esperienza di valori e di cittadinanza, occasione diretta per capire su cosa si fonda il nostro essere nazione. Un grande plauso alla scuola e alle associazioni combattentistiche d’arma, in particolare all’Associazione nazionale alpini», conclude l’assessore veneto, «e a quanti si sono attivati in questi anni del Centenario della Grande guerra per tenere vivo il ricordo dei Caduti e far comprendere alle generazioni di oggi le scelte, i valori e gli immensi sacrifici che hanno unito il popolo italiano e dai quali è nato il nostro Paese».