Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Iniziano le celebrazioni della Grande Guerra

ABANO TERME. Prende il via oggi il programma di eventi e manifestazioni programmato per ricordare il Centenario della conclusione della Grande Guerra. Si comincia stasera, alle 21, con una...

ABANO TERME. Prende il via oggi il programma di eventi e manifestazioni programmato per ricordare il Centenario della conclusione della Grande Guerra. Si comincia stasera, alle 21, con una conferenza di Mauro Scroccaro che avrà come titolo “Sanità in guerra”. Fino al 4 novembre Abano ospiterà conferenze, concerti, spettacoli teatrali e rievocazioni storiche sulla Grande Guerra, che ha visto Abano protagonista con alberghi trasformati in ospedali e sedi di comandi e residenze dello Stato mag ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ABANO TERME. Prende il via oggi il programma di eventi e manifestazioni programmato per ricordare il Centenario della conclusione della Grande Guerra. Si comincia stasera, alle 21, con una conferenza di Mauro Scroccaro che avrà come titolo “Sanità in guerra”. Fino al 4 novembre Abano ospiterà conferenze, concerti, spettacoli teatrali e rievocazioni storiche sulla Grande Guerra, che ha visto Abano protagonista con alberghi trasformati in ospedali e sedi di comandi e residenze dello Stato maggiore. Dal 27 aprile fino al 1° maggio, verrà allestita una rievocazione storica che vedrà la collaborazione di più attori su tutto il territorio. Saranno ricostruite le strutture sanitarie e militari, fra cui il Comando del generale Diaz all’Hotel Trieste Victoria e all’albergo Orologio. Dal 25 aprile al 2 maggio l’Hotel Ariston Molino, dove sono stati stampati i volantini lanciati al culmine del volo su Vienna (partito dal campo di volo di San Pelagio a Due Carrare), ci sarà una mostra. «Abbiamo voluto ricordare i 100 anni dalla fine del conflitto mondiale con un mix di eventi che servirà anche ai più giovani a comprendere meglio quanto è successo», commenta l’assessore alla Cultura Cristina Pollazzi. (f. fr.)