Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Ambasciatore dei padovani per trovare lavoro ai giovani»

«Sono stanco di vedere i giovani padovani che partono per fare i camerieri a Londra. Dobbiamo creare qui i presupposti affinché rimangano a lavorare nella loro città». Il diktat di Antonio De Poli è...

«Sono stanco di vedere i giovani padovani che partono per fare i camerieri a Londra. Dobbiamo creare qui i presupposti affinché rimangano a lavorare nella loro città». Il diktat di Antonio De Poli è chiaro: ieri, il leader padovano di “Noi con l’Italia - Udc”si è presentato assieme agli altri candidati del territorio alle elezioni politiche del 4 marzo, dichiarando di volersi ritagliare un ruolo da ambasciatore a Roma per i padovani. Al suo fianco Vincenzo Gottardo, Chiara Brazzo, Sergio Gob ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

«Sono stanco di vedere i giovani padovani che partono per fare i camerieri a Londra. Dobbiamo creare qui i presupposti affinché rimangano a lavorare nella loro città». Il diktat di Antonio De Poli è chiaro: ieri, il leader padovano di “Noi con l’Italia - Udc”si è presentato assieme agli altri candidati del territorio alle elezioni politiche del 4 marzo, dichiarando di volersi ritagliare un ruolo da ambasciatore a Roma per i padovani. Al suo fianco Vincenzo Gottardo, Chiara Brazzo, Sergio Gobbo e Ornella Leonardi, candidati al proporzionale alla Camera. Gottardo, capolista, è vicesindaco a Campodoro, mentre Leonardi è il primo cittadino di Gazzo, Gobbo è assessore a Este e Brazzo sindaco di Candiana: «Sono tutti amministratori con esperienza nell’Alta e Bassa padovana. È stata una scelta precisa perché vogliamo dare continuità e unire tutta la provincia» ha spiegato De Poli, che corre al collegio di Padova per essere riconfermato in Senato. All’interno della coalizione di centrodestra il partito che fa riferimento a Raffaele Fitto, Maurizio Lupi e a Flavio Tosi, sembra il più debole rispetto agli alleati: «Riuniamo diversi mondi, da quello cattolico a quello produttivo e sociale per riunire la città», ha proseguito De Poli. «Servono impegno e stabilità, a partire dai grandi temi come il nuovo ospedale, l’Università, lo sviluppo della Fiera e del sistema del credito per aiutare le nostre aziende. Padova deve diventare la città trainante della nostra regione. Mi impegnerò per portare a termine il percorso autonomista della Regione. Riguardo il lavoro, proponiamo la riduzione del cuneo fiscale di 6 punti percentuali».

Si stacca invece dal gruppo Roberto Cruciato, ex coordinatore cittadino di “Direzione Italia”: «Hanno messo dentro chiunque, da Lupi a Romano. Stavolta voto Lega».

Luca Preziusi